Viaggi al buio: paghi 100 euro e non sai dove vai

L’utente sceglie solo il budget lasciando ad altri la prenotazione della vacanza. Due giorni prima di partire si scopre la destinazione.

La gente ha talmente voglia di viaggiare che è disposta a pagare una cifra – bassa – senza neppure sapere dove viene spedita. Chi ha avuto la brillante idea di inventare una piattaforma web dove l’utente sceglie il budget lasciando ad altri la prenotazione della vacanza ha fatto bingo.

Si tratta di una società spagnola che ha appena aperto anche in Italia: FlyKube. A parte il pagamento, si può demandare a lei la destinazione (solitamente si tratta di Capitali europee) ma anche il periodo.
Una vacanza al buio, insomma, un po’ come gli appuntamenti.

Niente paura, però, non ci sono brutte sorprese e la meta non rischia di certo di essere brutta. A differenza di quanto potrebbe accadere con gli appuntamenti. La qualità della vacanza è comunque garantita.

Innanzitutto gli hotel dove si alloggia non sono mai inferiori alle tre stelle e gli aeroporti di partenza sono sempre quelli delle principali città.

A tutto il resto pensa un algoritmo che, in base alla disponibilità del momento, assegna una destinazione a caso tra una ventina di città europee tra cui Parigi, Londra, Madrid, Amsterdam, Copenhagen, Budapest, Praga. Solo due giorni prima di partire si scopre il proprio viaggio: arriva una mail con il biglietto aereo, la prenotazione dell’hotel e anche una guida della città.

Viaggi al buio: paghi 100 euro e non sai dove vai