Ecco come viaggeremo nei prossimi mesi

Dai viaggi di prossimità all'uso della tecnologia, dallo smart working alla sostenibilità: come si viaggerà nei prossimi mesi

Cosa cercheranno i viaggiatori nei prossimi mesi? Di certo mete sicure, facili, di prossimità, magari coniugando la necessità di lavorare coi viaggi di piacere. È questo, a grandi linee, lo scenario previsto da Booking.com che ha reso noti i risultati di una ricerca sul mondo travel avviata su 20mila intervistati in oltre 28 Paesi.

Ne è uscito un quadro chiaro che svela alcune delle tendenze dei giramondo sempre più a favore per un turismo di prossimità, ma con tanta voglia di volare verso mete lontane. La voglia di fare la valigia e prendere l’areo verso nuove destinazioni, dunque, c’è ed è tanta, allo stesso modo però i traveller sanno benissimo che dovranno attendere le nuove disposizioni legate alla sicurezza.

Regole dovute al prolungarsi della pandemia globale che ha messo a dura prova il settore viaggi (e non solo), che però vede le persone già pronte a programmare – già dall’anno prossimo – fughe nelle parti più remote del mondo. Il lockdown così prolungato, infatti, ha provocato negli intervistati il desiderio di muoversi più spesso e verso nuovi luoghi per recuperare (ovviamente se sarà permesso) il tempo perso.

Allo stesso modo si farà molta attenzione ai prezzi: più della metà degli intervistati, infatti, ha palesato l’intenzione di muoversi usufruendo di offerte e promozioni sperando, però, in una maggiore trasparenza da parte delle piattaforme di prenotazione.

I viaggi di prossimità, come anticipato, poi reggeranno anche l’anno prossimo. Il lockdown, infatti, ha permesso ai viaggiatori di riscoprire il proprio territorio e molti hanno voglia di rimettersi in viaggio verso posti poco noti o in località già viste. Cresce l’interesse, poi, verso mete sostenibili: in tal senso, i viaggiatori, si aspettano pacchetti su misura per scegliere sia alloggi che destinazioni più attente all’ambiente. Via libera a vacanze natura, dunque; sì a cammini ed escursioni all’aria fresca, vacanze e turismo rurale, ma anche settimane rilassanti da vivere senza pensieri.

Sicurezza e pulizia, poi, saranno una prerogativa dei turisti che si aspettano standard coerenti e condivisi su più Paesi, tra cui distanziamento sociale, ottimi sistemi d’igiene adottati dalle strutture e
con controlli sanitari all’arrivo. Cresce quindi la consapevolezza dei viaggiatori rispetto alla salute e molti degli intervistati tenderanno ad evitare aree sovraffollate preferendo viaggi in case vacanza o camper.

Tra le nuove tendenze di viaggio, ancora, i pacchetti svago e lavoro. Lo smart working, infatti, è sempre più diffuso e quindi molti viaggiatori sono propensi a cercare strutture che possano garantire aree di svago e postazioni da lavoro, tra cui stanze di lusso da “affittare” anche solo un giorno.

In ultimo cresce l’amore dei viaggiatori per la tecnologia che potrà essere utilizzata sempre di più per prevenire rischi per la salute (negli aerei, per esempio) oppure per prenotare servizi (come ristorante oppure self service) o, ancora, vivere una meta ancora prima di partire, grazie a tour virtuali.

come viaggeremo prossimi mesi

Fonte: iStock

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Ecco come viaggeremo nei prossimi mesi