Stonehenge: scoperti nuovi reperti preziosi, tra cui resti umani

Stonehenge uno dei siti archeologici più famosi al mondo e ora torna a regalare nuove scoperte

La maestosa architettura neolitica di Stonehenge, meraviglia del passato e testimonianza di un’era di cui purtroppo sono ancora molti gli aspetti che non conosciamo, riesce a sorprenderci ancora una volta. Proprio mentre si continua a parlare di un importante lavoro che potrebbe minare la sua fragile esistenza, ci regala nuovi reperti interessanti, venuti alla luce nel corso degli ultimi scavi archeologici.

Ormai da molti anni il Regno Unito è scisso in una battaglia che ha come protagonista proprio Stonehenge. È in progetto una galleria che dovrebbe agevolare il traffico dell’A303, una delle strade più frequentate dell’intero Paese, ma i lavori sono osteggiati da coloro che vogliono preservare il famosissimo sito archeologico. Tale tunnel dovrebbe infatti passare proprio sotto il monumento neolitico, rischiando di comprometterne la stabilità e di occultare per sempre la presenza di reperti non ancora rinvenuti nei dintorni.

In effetti, quest’ultima preoccupazione non è infondata: durante una prima fase dei lavori preliminari, gli archeologi hanno riportato alla luce alcuni resti preziosi, in grado di rivelare alcuni segreti di Stonehenge e di raccontarci qualcosa in più sulla vita nel periodo del Neolitico e dell’Età del Bronzo. Tra i reperti emersi nel corso dell’esplorazione ci sono ceramiche neolitiche, fossati probabilmente risalenti all’epoca del campo di Vespasiano, un misterioso recinto a forma di C e un frammento di scisto ritrovato in una tomba di 4mila anni fa.

Sono poi venuti alla luce alcuni resti umani: la tomba di un bambino seppellito assieme ad un piccolo vaso e due sepolture del gruppo dei Beaker, risalenti probabilmente ad un periodo attorno al 2.500 a.C. Una di queste sepolture contiene lo scheletro di un adulto in posizione accovacciata, con un vaso tra le mani, mentre nell’altra sono state trovate solamente le ossa delle orecchie di un bambino. Cosa ancora più strabiliante, nella tomba dell’uomo adulto è stato rinvenuto un frammento di spillo e un piccolo oggetto cilindrico di scisto, ma visto finora.

Tutti i reperti sono stati immediatamente portati a Salisbury, dove verranno analizzati e quindi esposti nel grande museo della città. Nel frattempo, si inasprisce nuovamente il dibattito in merito all’opportunità di proseguire con i lavori per la costruzione della galleria sotterranea. Andy Crockett, il direttore del progetto, ha assicurato che nei prossimi mesi verranno effettuate numerose investigazioni per verificare che non vi siano altre scoperte da riportare alla luce. Solo nel 2023, infine, dovrebbe avere inizio la costruzione del tunnel.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Stonehenge: scoperti nuovi reperti preziosi, tra cui resti umani