A Tokyo c’è un hotel dove fare tutte le esperienze del Giappone

Al Keio Plaza si può dormire in un tradizionale ryokan, nella stanza a tema Hello Kitty, nella suite delle star e nell'hotel all’interno dello stesso hotel

A Tokyo c’è un hotel dove si possono provare tutte le esperienze del Giappone senza dovere uscire mai.

Si può dormire in un tradizionale ryokan, nella stanza a tema Hello Kitty, nella suite delle star – dove ha soggiornato, tra gli altri, anche Muhammad Ali – e dove c’è un hotel all’interno dello stesso hotel.

È il Keio Plaza, il primo grattacielo sorto a Tokyo nel 1971 nonché il primo hotel ricavato all’interno di un grattacielo, che si trova nell’indaffaratissimo quartiere di Shinjuku. Con i suoi 178 metri, per alcuni anni è stato anche l’edificio più alto del Giappone.

keio-plaza

Nei film “Il ritorno di Godzilla” del 1984, il Keio Plaza Hotel veniva distrutto dal terribile re dei mostri che demoliva anche l’intero quartiere di Shinjuku, prima di finire divorato dalla bocca di un vulcano. E per Tokyo questo hotel è una vera icona.

Tra i suoi 47 piani c’è un microcosmo: 1450 camere, 13 ristoranti, negozi, bar, una galleria d’arte, una nursery, una sala per la cerimonia del tè, una sala per il rito del kimono, una cappella dove si celebrano matrimoni, una pasticceria, la spa, il centro estetico e la sala per la riflessologia oltre alla palestra e all’infinity pool.

cerimonia-te-giappone

Nonostante ci si trovi in un edificio super moderno e in una zona d’affari, si può provare l’esperienza di dormire in un tradizionale ryokan giapponese. Una volta varcata la porta di alcune delle stanze, infatti, si viene proiettati in un altro secolo. Sembra che questo tipo di albergo risalga addirittura al 1600 e il suo stile è rimasto immutato da allora. Il ryokan mantiene ancora tutti gli elementi tradizionali come il pavimento fatto di tatami rivestito di paglia su cui la sera di stende il futon – un materasso che funge da letto – , le rifiniture interne sono di legno, le porte scorrevoli sono rivestite di carta e c’è una zona dedicata alla cerimonia del tè. Il ryokan è fondamentalmente una stanza priva di mobili e di letti, dotata però di tokonoma, una nicchia in cui vengono esposte sculture o composizioni ikebana. Nei ryokan il bagno solitamente è esterno alla camera ed è in comune tra i diversi ospiti, nel caso del Keio invece il bagno è assolutamente interno. È il bello di avere un ryokan in un hotel.

ryokan-keio-plaza-tokyo

Uno dei personaggi più famosi originari del Giappone è Hello Kitty. I giapponesi ne vanno matti. E non sono i soli. Nell’hotel ci sono delle stanze a tema Hello Kitty – che sono sempre sold out! – dove sembra di essere proiettati direttamente nella fabbrica della Sanrio. Dalla carta da parati alla moquette, dalla testata del letto alla scrivania, dalle coperte ai cuscini, dalle pantofole di cortesia ai prodotti da bagno fino alla bottiglietta d’acqua all’asciugacapelli, tutto ma proprio tutto è raffigurato con la celebre gattina col fiocco rosa sopra l’orecchio. Naturalmente nella boutique dell’hotel si trova ogni tipo di merchandising da acquistare, perché dalla camera non si può portare via nulla.

camera-hello-kitty-keio-plaza-tokyo

Dagli Anni ’70 a oggi sono stati tantissimi i vip che hanno soggiornato in questo iconico hotel (per motivi di privacy non possono essere citati). Ma a uno di loro è stata dedicata la penthouse più bella dell’hotel dove si può ancora soggiornare: Muhammad Ali. Dai tempi del puglie statunitense l’arredamento della mega suite non è cambiata e il suo fascino sta proprio in questa particolarità.

Un hotel con 1450 camere, doppie e quadruple, può diventare un po’ caotico, specie la mattina a colazione. Per chi vuole sentirsi come in un piccolo boutique hotel c’è anche un hotel nell’hotel, il Premier Grand, con una reception dedicata, una sala colazione privata, un salotto dove prendere il tè ogni giorno dalle 14 alle 16 o un aperitivo dalle 17 alle 19, godendosi un panorama pazzesco di Tokyo dal 45° piano del grattacielo circondato da enormi vetrate con vista sul Monte Fuji. E in un ambiente ovattato e super silenzioso. Le camere sono modernissime, con tutti i comfort e anche di più: ogni ospite ha a disposizione anche uno smartphone da portare con sé pe telefonare o navigare in Internet senza dovere usare il roaming.

keio-plaza-tokyo

Chi soggiorna altrove a Tokyo, deve comunque fare una tappa a Keio Plaza perché si tratta di una vera icona cittadina, ricca di storia e di tradizione. Vale la pena anche solo andnare a prendere un cocktail o a cenare nel ristorante Aurora all’ultimo piano del grattacielo più antico di Tokyo, per ammirare l’infinito skyline della città più popolosa del mondo.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

A Tokyo c’è un hotel dove fare tutte le esperienze del Gia...