Cosa vedere a Kharkiv, perla dell’Ucraina

Ecco cosa vedere a Kharkiv, gioiello dell’Ucraina. Le chiese barocche, la gigantesca piazza e i monumenti più belli

Le chiese barocche, la gigantesca piazza, una delle più grandi d’Europa e di tutto il mondo. E poi i monumenti più belli, come il Gosprom, gioiello architettonico del XX secolo. Ecco cosa vedere a Charkiv, un milione e mezzo di abitanti, seconda città e perla dell’Ucraina, sede di importanti avvenimenti sportivi.

Gosprom. A Kharkiv che alla fine del 1917 divenne la capitale dell’Ucraina non c’erano edifici che rispettassero il suo status, così il 21 marzo con un memorandum che dimostrò i benefici economici della costruzione di un edificio per le organizzazioni dell’industria di stato, nacque così Gosprom. A costruzione finita risulta 347 mila metri cubi e una superficie di 67 mila metri quadrati. Gli architetti di Leningrado gestirono con successo la creazione di 9 torri di diversa altezza (da 6 a 13 piani) e li raggrupparono in 3 grandi blocchi. Capolavoro architettonico del XX secolo, l’edificio è in vetro, acciaio e cemento monoblocco praticamente indistruttibile.

Piazza della Libertà è la sesta piazza d’Europa per grandezza e la 23° al mondo. Dal 1926 al 1996 fu nota come piazza Dzerzinski dal nome di Feliks Edmundovic Dzerzinski, fondatore della Ceca, la polizia segreta bolscevica, e per ben due volte l’occupazione tedesca le cambiò il nome. Nel 1946 fu eretta la statua di Lenin abbattuta nel 2014, durante la crisi ucraina da un gruppo di nazionalisti radicali. Il nome di piazza della Libertà arriva dopo l’indipendenza dell’Ucraina dall’Unione Sovietica. La parte principale della piazza è delimitata a ovest dalla statua di Lenin a est da via Sumsk a nord dell’albergo Charkiv e a sud dal parco Shevchenko.

Ci sono poi le fantastiche chiese, tra cuila Cattedrale dell’Assunzione delle Beata Vergine Maria, costruita nel 1887-1892 secondo il progetto dell’ingegnere della città Mikhailovsky. L’edificio ha una forma basilicale, un alto campanile gotico con una rosetta tonda nella seconda fila, coronato da una guglia. La chiesa venne consacrata nel 1892 dal vescovo Francis Simon. L’organo prodotto nello stabilimento di Etgiton in Baviera è stato fondato nell’aprile 1901.

Monastero della Santa protezione della Vergine. Venne realizzato dal XVII al XIX secolo ed è la più antica costruzione a Charkiv,un monumento di importanza nazionale. Tipico esempio di barocco combinato con motivi romanici e antico russi. Fondata dai cosacchi, la cattedrale fu eretta nel 1869 come parte delle fortificazioni della città. Il complesso comprende la chiesa di Ozeryannska, progettata nel 1896 come una basilica con finestre alte e strette e spesse mura di pietra cittadine. All’interno si trova una copia di un’icona miracolosa della Madonna Ozeriana che si trovava nel villaggio Ozeriana, non distante da Kharkiv nella metà del XVII secolo. La torre campanile della Difesa (1689), la Cattedrale della protezione della Vergine (1689, in stile barocco ucraino), la casa del vescovo (1820-1826) in stile classicista e il seminario 1912.

Cattedrale della Dormizione. Costruita nel 1646 originariamente in legno, fu ricostruita in pietra 40 anni dopo. Nella forma attuale, la cattedrale fu costruita nel 1812 con un campanile. La chiesa vantava un’icona dorata realizzata in stile rococò. La torre campanaria di Alexander venne costruita dopo l’espulsione di Napoleone dalla Russia per esprimere gratitudine ad Alessandro I ed era il secondo edificio più alto dell’Ucraina.

Cattedrale dell’Annunciazione è la principale chiesa ortodossa di Charkiv ed è la più grande cattedrale dell’Europa orientale. La struttura pentacupolare in stile neobizantino con un caratteristico campanile alto 80 metri fu completata il 2 ottobre 1888 su progetto di un architetto locale Mikhail Lovtsov. Fu consacrata nel 1901 e poi demolita. La chiesa a strisce soppiantò la vecchia cattedrale dell’Assunzione come principale chiesa di Kharkiv ed era una delle chiese più grandi e alte dell’impero russo. La chiesa fu affrescata secondo lo stile della cattedrale di San Vladimir a Kiev.

C’è infine la fontana Zerkl’naya Struya (The Mirror Stream) una straordinaria costruzione architettonica e un sito protetto dall’Unesco. Si tratta di pergolato e fontana in via Sums’ka nel parco della Vittoria di fronte al Teatro Nazionale dell’Opera e del Balletto di Charkiv ed è considerato uno dei simboli della città, fu costruita nel 1947 in onore della vittoria nella Seconda guerra mondiale. Dietro la fontana c’è un piccolo parco molto piacevole per le passeggiate. Il monumento è circondato da un delizioso giardino dietro un romantico laghetto. Tantissimi gli sposi che scelgono il Mirror Stream per le foto nuziali.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Cosa vedere a Kharkiv, perla dell’Ucraina