Rimborsi crociere per Coronavirus: ecco come fare

Se avete prenotato una crociera, ma preferite non partire più a causa del Covid-2019, ecco cosa dovete sapere

Avete prenotato una crociera ma non ve la sentite più di partire per via del Coronavirus. Anche se il rumore attorno al Covid-2019 è esagerato rispetto alla realtà dei fatti, è comprensibile che si tema comunque di essere contagiati, tanto più a bordo di una nave dove l’aria degli ambienti chiusi può essere contaminata da germi.

Vista la situazione di allarmismo diffuso, le compagnie crocieristiche hanno preso provvedimenti. Ecco come si comportanto MSC Crociere e Costa Crociere.

MSC Crociere

Per andare incontro alle esigenze delle agenzie di viaggio, MSC Crociere ha deciso di posticipare i termini di recesso: in deroga alle Condizioni Generali di Vendita, per tutte le prenotazioni già confermate e per le nuove conferme entro il 31/03/20 sarà possibile recedere dal contratto entro 21 giorni dalla data partenza con una spesa di gestione pratica di 50 euro per passeggero. Questa condizione è valida per tutte le partenze di marzo, aprile, maggio e giugno (fino al 30 giugno 2020) con destinazione Mediterraneo e Nord Europa e per tutte le tariffe e le tipologie di prenotazione. La promo è retroattiva e sono escluse le altre destinazioni.

“In questo periodo particolarmente delicato per l’economia e per il turismo a livello globale, MSC Crociere desidera garantire a tutti la serenità di prenotare una vacanza MSC in totale sicurezza. E lo fa attraverso un’azione concreta che modifica per la prima volta alcune condizioni previste da catalogo”, ha riferito in una nota ufficiale MSC. “Con questa iniziativa ci aspettiamo una buona risposta da parte di coloro che in questa fase di allarmismo diffuso non hanno ancora prenotato una vacanza e, allo stesso tempo, ci auguriamo di rassicurare anche coloro che hanno già prenotato una crociera MSC. Negli ultimi giorni i messaggi degli esperti relativi al Coronavirus tendono a placare la paura generale in quanto, se da un lato la probabilità di contagio può essere elevata, la sua pericolosità si attesterebbe ai livelli di un normale virus influenzale”.

Inoltre, lunedì 24 febbraio MSC ha incrementato le misure precauzionali previste contro il Coronavirus, al fine di tutelare la salute e il benessere dei passeggeri e dell’equipaggio a bordo delle navi della compagnia. Oltre alle restrizioni previste per chiunque abbia viaggiato verso, da o tramite la Cina continentale, Hong Kong o Macao, verrà negato l’accesso a bordo a coloro che negli ultimi 14 giorni hanno viaggiato verso, da o tramite uno dei comuni dell’Italia settentrionale, oggi in quarantena.

I comuni interessati sono: Casalpusterlengo, Codogno, Castiglione d’Adda, Fombio, Maleo, Somaglia, Bertonico, Terranova dei Passerini, Castelgerundo, San Fiorano e Vo’.  Si precisa che nessuno dei porti di scalo della compagnia in Italia e nessuno dei luoghi proposti come escursione si trova vicino ai comuni sopra citati o a territori limitrofi.

Per ogni crociera sarà, inoltre, effettuata un’accurata ispezione: i passeggeri e i membri dell’equipaggio nelle fasi di imbarco e sbarco nei porti di scalo saranno controllati dalle termocamere per verificare il sussistere di eventuali condizioni febbrili.

Queste misure si aggiungono ai provvedimenti già in atto da oltre di un mese, che includono la sanificazione di ogni nave dell’intera flotta, la disinfezione continua delle aree pubbliche e costanti moniti in merito alle accortezze igieniche per tutti i passeggeri e l’equipaggio, anche grazie all’uso di dispenser disinfettante mani.

La salute e la sicurezza delle persone a bordo delle navi MSC sono sempre state oggetto di grande attenzione da parte della compagnia ed in questo momento lo è ancor di più. Al momento non si sono registrati casi di Coronavirus a bordo di nessuna delle navi della Compagnia.

La maggior parte delle navi della flotta si trova attualmente in Sudamerica e nei Caraibi, mentre le due navi che adesso sono nel Mediterraneo non subiranno ritardi e seguiranno gli itinerari previsti. Tutte le informazioni sul sito di MSC Crociere.

Costa Crociere

Rispetto a quanto indicato il 27 febbraio u.s. e come riportato da varie fonti, a seguito dell’innalzamento del livello di allerta globale dichiarato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, Costa Crociere, interpellata da SiViaggia, ha comunicato di aver deciso di “rafforzare ulteriormente le misure precauzionali da applicare alla propria flotta, al fine di garantire il massimo della sicurezza per ospiti ed equipaggio. Non è consentito l’ingresso a bordo delle navi Costa a ospiti, visitatori e membri d’equipaggio, di qualsiasi nazionalità, che abbiano viaggiato da, verso o attraverso la Cina continentale, Hong Kong, Macao e Corea del Sud nei 14 giorni precedenti l’imbarco. La stessa misura viene applicata a chi sia stato in contatto con casi confermati di Coronavirus, per i quali sia stata fatta regolare denuncia alle competenti autorità sanitarie”.

A partire dal 22 febbraio, in considerazione dell’attuale situazione epidemica del virus in alcune città italiane, la compagnia ha anche deciso di negare l’imbarco a tutti quei clienti provenienti da una di queste città – nello specifico Casalpusterlengo (LO), Codogno (LO), Castiglione D’Adda (LO), Fombio (LO), Maleo (LO), Somaglia (LO), Bertonico (LO), Terranova dei Passerini (LO), Castelgerundo (LO), San Fiorano (LO) in Lombardia e Vo’ Euganeo (PD) in Veneto –  ed altre città che dovessero essere aggiunte in futuro nell’elenco pubblicato dal ministero della Sanità.

“Costa Crociere sta pertanto contattando i passeggeri residenti in queste città direttamente o tramite agenzie di viaggio”, spiega la compagnia “per comunicare loro la disposizione e informarli delle procedure di rimborso totale.

“Considerata la fluidità della situazione”, tiene a precisare Costa “l’attuale limitazione sarà di conseguenza estesa anche a tutte le aree che potrebbero essere aggiunte in futuro nell’allerta dal ministero della Sanità italiano e dalle autorità sanitarie competenti. Inoltre, tutte le escursioni disponibili per gli ospiti non includeranno visite a località nelle regioni Piemonte, Lombardia e Veneto.

A partire dal 27 febbraio, sono state introdotte limitazioni all’imbarco anche per ospiti, visitatori o membri dell’equipaggio di qualsiasi nazionalità che negli ultimi 14 giorni abbiano viaggiato da, verso o attraverso Giappone, Iran, Taiwan o Vietnam e riportino febbre, tosse o difficoltà respiratorie.

A tutti gli imbarcanti, ospiti, visitatori o membri dell’equipaggio, è sottoposto uno specifico questionario medico di pre-screening per meglio valutare l’idoneità all’imbarco. A tutti gli imbarcanti sarà effettuato lo screening della temperatura corporea: a coloro che presentano una temperatura superiore a 37,8°C, verrà negato l’accesso alla nave. “A bordo delle navi Costa garantiamo ai nostri ospiti e membri dell’equipaggio i massimi standard di igiene, grazie a rigidi protocolli di sanitizzazione e all’utilizzo di disinfettanti efficaci contro il Coronavirus“, scrive Costa Crociere in una nota ufficiale.

Per le quattro navi Costa che operano in Cina, già dal 25 gennaio 2020, a seguito della decisione presa dal ministero della Cultura e del Turismo della Repubblica Popolare Cinese di sospendere viaggi e attività turistiche come forma di prevenzione e controllo, la compagnia ha deciso di cancellare a scopo precauzionale le crociere delle sue navi in partenza dalla Cina sino a fine marzo. Gli ospiti interessati dalle cancellazioni verranno rimborsati o potranno scegliere di spostare la loro prenotazione su un’altra partenza. Queste crociere sono in vendita solo in Cina, per il mercato cinese.

Costa Crociere ha implementato diverse iniziative per venire incontro alle esigenze delle agenzie di viaggi e dei suoi ospiti in questa situazione particolare. “L’obiettivo è quello di dare agli ospiti più tempo per decidere, senza che si produca un aumento delle penali”, spiega. Per tutte le prenotazioni con partenza entro il 31 maggio 2020 sono previste le seguenti condizioni:

costa-rimborsi

@Costa Crociere

Per i soci Costa Club (il loyalty Club di Costa Crociere) la compagnia propone un’altra promozione esclusiva: la possibilità sino all’8 marzo di prenotare e cancellare senza penali su tutte le partenze sino a fine maggio. È previsto, inoltre, uno sconto del 25% sul prezzo della cabina e il raddoppio dei punti Costa Club. Questa promozione si applica anche ai nuovi iscritti.

Infine, per tutte le nuove prenotazioni c’è un’ulteriore promozione, che consente di prenotare una cabina esterna al prezzo dell’interna oppure una con balcone al prezzo dell’esterna. Tutte le informazioni sul sito di Costa Crociere.

rimborsi-crociere-msc-costa

@123rf

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Rimborsi crociere per Coronavirus: ecco come fare