Ogni tre anni, Bruges diventa un museo a cielo aperto

La Triennale Bruges 2021 mostra alcuni lati meno conosciuti della città più fiabesca d'Europa

La “Venezia del Nord”, la città più romantica d’Europa, una delle più visitate e più instagrammate dai turisti, patrimonio dell’Unesco: quando si parla di Bruges non si può fare altro che sognare. Passeggiando per il centro storico, navigando lungo i canali o girandola in bicicletta è tutto uno scattare fotografie e selfie. Una città bellissima dove ogni angolo fa un effetto wow!

Eppure, può regalare altre emozioni. Per esempio, quando ogni tre anni Bruges ospita la Triennale, un evento unico che porta l’arte e l’architettura contemporanea nel centro storico della città, come un museo a cielo aperto.

Quest’anno, dall’8 maggio al 24 ottobre, si tiene la terza edizione di questo importante evento artistico, durante il quale 13 artisti contemporanei espongono le loro installazioni che tutti possono ammirare. Gratuitamente.

La Triennale Bruges 2021 sposta l’attenzione verso alcuni lati meno visibili della città, raccontando la storia e gli aspetti più misteriosi e sicuramente meno turistici di questa splendida città.

Gli artisti cercano ispirazione nei vicoli, dietro ai cancelli, nei cortili e nei cantieri di una città solo apparentemente perfetta, mettendo in luce la versatilità e dinamicità di Bruges.

Le opere en plein air dell’edizione 2021 riconducono tutte a un tema intitolato “TraumA”, quella linea sottile che separa sogno e incubo, paradiso e inferno, visibile e nascosto.

Pertanto, vagare nel labirinto che lo studio Gijs Van Vaerenbergh ha creato nel Baron Ruzettepark, uno dei parchi cittadini, o farsi accogliere dalle atmosfere folcloristiche delle installazioni di Nadia Naveau a bordo d’acqua oppure lasciarsi stupire dal meccanismo del tempo che sembra sospeso nella chiesa di Santa Valpurga, un bellissimo edificio Barocco nel centro di Bruges, saranno esperienze inedite.

Le opere di questi e di altri maestri fiamminghi contemporanei si uniscono in un’elegante danza ad alcuni dei nomi più interessanti della scena artistica contemporanea internazionale.

Questa manifestazione ha lo scopo di rendere accessibile a tutti il patrimonio culturale e l’arte contemporanea. Anche i visitatori con problemi di vista o di udito possono seguire i percorsi con un itinerario studiato apposta per loro.

L’atmosfera già incantevole e quasi fiabesca dei canali (i “reien”), delle piazze e degli edifici che si specchiano nell’acqua diventa così ancora più suggestiva

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Ogni tre anni, Bruges diventa un museo a cielo aperto