Visitare le Isole Vanuatu, paradiso del Pacifico meridionale

Viaggio tra le isole Vanuatu, paradiso semisconosciuto e incontaminato nel sud del Pacifico tra barriere coralline, villaggi indigeni e maestosi vulcani

Vanuatu, letteralmente “la terra che affiora dal mare”, è un arcipelago della Melanesia centrale, nel Pacifico meridionale, ad oltre 2.000 chilometri dalle coste orientali dell’Australia. Un paradiso nascosto, semisconosciuto e incontaminato, costituito da 83 isole vulcaniche una diversa dall’altra, alcune enormi altre semplici atolli dalle variopinte barriere coralline, piccole città di pescatori, villaggi indigeni e maestosi picchi vulcanici. Il periodo migliore per recarsi da queste parti è da luglio a dicembre; meglio evitare il clima umido da gennaio a giugno, caratterizzato da forti rovesci e tempeste tropicali.

Vanuatu è raggiungibile in aereo con voli per l’Aeroporto Internazionale di Port-Vila e di Luganville nell’isola di Espiritu Santo, dove atterrano gli aerei provenienti dall’Australia, dalla Nuova Zelanda, dalla Nuova Caledonia e dalle Figi. Le isole dell’arcipelago sono collegate tramite aereo, traghetti, autobus e taxi. Immerse in una cornice naturale mozzafiato tra foreste rigogliose e praterie le isole abitate di Vanuatu sono circa una quindicina, delle quali le principali sono Efaté, Espiritu Santu, Malekula, Ambryn e Tanna.

Il mare di Vanuatu è uno dei più belli e incontaminati del pianeta, con le sue immense barriere coralline, vulcani sottomarini e grotte abitate da una miriade di colorati pesci tropicali. Le spiagge dorate, nascoste tra baie e promontori, sono immense e deserte, circondate da palme da cocco, dove rilassarsi al sole, fare snorkeling lungo la magnifica barriera corallina, surf o praticare pesca sportiva. Durante l’alta stagione tutte le isole principali offrono abbondanti attività sportive e di svago. L’offerta va dai giri in elicottero per vedere i crateri dall’alto, o lanciarsi con il bungee jumping, che tra l’altro sarebbe nato qui a Vanuatu negli anni ’50, gite in barca per esplorare isole circostanti, o avventurarsi nell’entroterra per andare alla scoperta della culture indigene per assistere alle danze o cerimonie tradizionali.

Tra le tante isole dell’arcipelago, Efatè è il cuore di Vanuatu, l’isola centrale brulicante di attività turistiche. La popolazione locale per la maggior parte di origine melanesiana è vestita con abiti dai colori sgargianti e vive ancora in villaggi sprovvisti di elettricità, dove l’attività principale è tuttora l’agricoltura. Il suo litorale è un susseguirsi di isole e isolotti, baie e insenature limpide e coralline con spiagge dalla sabbia bianca, tra cui la baia di Male, ideale per fare splendide immersioni, la magnifica Eton Beach spiaggia bianca e deserta dal mare cristallino o la Blue Lagoon, una insuperabile laguna nella quale tuffarsi.

C’è la più tranquilla e separata isola Erakor, situata di fronte a Port Villa e poi Irikiri e Kaiviti, altre due isole al largo di Étafé ben attrezzate per il turismo. Inoltre per chi desidera fare surf, Pango Point nelle vicinanze della città è l’unico punto di tutto l’arcipelago dove si possono sfidare le onde. Qui si trova anche la capitale delle isole Vanuatu, Port Vila, una graziosa cittadina coloniale molto apprezzata dai turisti, la cui vita ruota intorno al porto. Con la sua atmosfera francese, tra piccoli hotel e palazzi moderni è possibile ancora trovare i negozi di artigianato e i grandi e colorati mercati dove sono esposti deliziosi prodotti locali.

Ma vanta anche un fantastico Centro della Cultura che conserva dei rarissimi reperti del Pacifico e fornisce un interessante sguardo nella storia delle origini. Tra le isole più interessanti delle Vanuatu citiamo anche Tanna, un vero paradiso tropicale, circondato da foreste pluviali e imponenti montagne dove si trova il monte Yasur, la vera e propria attrazione dell’isola, uno dei vulcani più attivi del pianeta e l’unico dove si può salire in fuoristrada fin sull’orlo del cratere. Interessante da visitare è il Kustom Village, dove la vita sembra essersi fermata alla preistoria.

I suoi abitanti infatti seguono uno stile di vita tradizionale, indossano gonnellini di paglia colorata, vivono in capanne ed eseguono danze rituali, rifiutando tutto ciò che è occidentale. Nell’isola di Espiritu Santo, la più grande di Vanuatu, sarete accolti da una giungla incontenibile, tra fiumi che scorrono attraverso misteriose grotte, picchi montuosi e lagune. In quest’isola tante solo le attrazioni a partire dal Tabwemasana, il vulcano più alto dell’arcipelago, la bianchissima e immensa spiaggia di Champagne Beach e il pittoresco villaggio di Port Orly.

Non può mancare uno sguardo a Luganville la seconda città più grande dell’arcipelago dotata anche di un aeroporto regionale e il parco nazionale di Vathhe Conversation noto soprattutto per le sue rare orchidee. Espiritu Santu è amata soprattutto da chi è appassionato di relitti sottomarini dal momento che al largo delle sue coste ci sono numerosi relitti di navi da guerra giapponesi e americane. Malekula è invece la seconda isola più grande ed è tradizionalmente conosciuta per la sua diversità culturale, i suoi costumi e le danze indigene.

La tribù dei “Nambas”, la più nota dell’isola vive in piccoli villaggi di capanne nella foresta, e attira molti visitatori incuriositi principalmente dalla loro storia sul cannibalismo, ufficialmente bandito dal governo e diventato ormai una pratica essenzialmente rituale. Le isole situate lungo la costa di Malekula hanno spiagge di sabbia e barriere coralline, ottima per gli appassionati di snorkeling e immersioni. Per chi ama fare sport, sulle isole Vanuatu trova pane per i propri denti, soprattutto sull’isola di Abrym, destinazione ideale, ottima anche per gite in barca a vela o per scalare i due vulcani attivi di Marum e Benbow; mentre nella vicina Epi si può nuotare in compagnia dei dugonghi.

Nella maggior parte delle isole Vanuatu sono presenti i tradizionali bungalow melanesiani, hotel e resort di gran lusso che assicurano ai turisti servizi essenziali e accoglienti ed un elevato comfort. Affacciati quasi sempre su panorami mozzafiato, in queste splendide strutture si può gustare una deliziosa cucina locale e internazionale ma anche intrattenersi nei locali con musica dal vivo e divertirsi in compagnia sorseggiando un drink tropicale.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Visitare le Isole Vanuatu, paradiso del Pacifico meridionale