Sui luoghi dei Florio, intervista all’autrice Stefania Auci

I best seller della scrittrice siciliana ci portano alla scoperta della regione occidentale e delle Egadi

Raccontano l’epopea di una famiglia, quella dei Florio, che ha fatto la storia della Sicilia e anche dell’Italia i due romanzi di grande successo “I leoni di Sicilia” e “L’inverno dei Leoni” dell’autrice Stefania Auci.

Ma raccontano anche di una Sicilia bella e opulenta, ricca e orgogliosa, una Sicilia che ha affascinato milioni di lettori dei romanzi della Auci e che desiderano andare alla scoperta di quei luoghi narrati tra le pagine dei libri. L’Olivuzza, Favignana, Marsala, Villa Igiea e tante altre tappe che hanno dato vita a un vero e proprio itinerario, nato dalla penna della Auci e che, a breve, diventerà anche uno dei più amati della Regione perché, dopo i romanzi, arriverà anche una fiction televisiva che attirerà ancor più visitatori.

Abbiamo incontrato Stefania Auci durante la BIT, la fiera milanese del turismo, allo stand della regione Sicilia, che sta promuovendo nuovi itinerari alla scoperta della West of Sicily, la Sicilia occidentale, quella zona del trapanese – città d’origine della Auci – quella delle tonnare e delle saline, che vanno a braccetto, del marsala e della splendida isola di Favignana, raccontata nei due romanzi e ancora poco nota al turismo.

I suoi romanzi hanno una grande valenza turistica e invogliano i lettori a visitare i luoghi che racconta, ne è consapevole?

“Me ne sono resa conto poco dopo l’uscita del primo volume quando mi sono recata ad accompagnare dei giornalisti in alcuni luoghi che erano raccontati nei romanzi e la gente diceva ‘Sì, ma qui noi ci siamo stati!’. E la cosa che mi fa molto piacere è che nella Sicilia occidentale adesso esistono anche dei tour in barca che si occupano delle Egadi, della provincia di Trapani, di Marsala che mettono in luce sia la bellezza del territorio sia la storia che è legata a questo territorio, che non è legata unicamente ai Florio, ma c’è anche la trazione latina, la tradizione greca e ancora quella arabo-normanna. In generale, la Sicilia occidentale presenta più di altre parti questa grandissima stratificazione che fa sì che la sensibilità di chi vive in questi territori sia estremamente plastica, varia e capace di comprendere in più modalità quanto la storia abbia inciso sul nostro territorio. Adesso è il momento che iniziamo a prenderne atto e che cominciamo anche a essere orgogliosi di questo”.

Quelli citati nei romanzi sono luoghi che lei conosce molto bene.

“Favignana mi ha segnata e mi ha insegnato la passione per il mare. Questo territorio fa parte del mio DNA, tutta questa parte di Sicilia è impregnato di cultura, che ha segnato anche i Florio. Loro erano connessi al territorio del trapanese, che ha visto ospiti anche reali. Raccontare il territorio ha condizionato l’evoluzione di questa famiglia. Non sarebbero stati i Florio se non fossero stati un questa parte di Sicilia. Quando i Florio diventano ricchi lo fanno nella Sicilia occidentale e quindi Marsala, Trapani, Favignana”.

favignana-tonnara-luoghi-florio-sicilia

Favignana e la tonnara dei Florio

Sono nati già dei tour sui luoghi dei Florio, vero?

Ci sono e sono parecchi e sono anche molto orgogliosa perché significa che, anche se in maniera indiretta, ho dato fisicamente una mano alla mia terra. Trapani ha un centro storico che è un gioiello, grazie anche a imprenditori come i Florio, che potevano chiamare i grandi artisti fiamminghi e i migliori artigiani. Favignana è il paese della ‘Bella addormentata’, tutti gli abitanti se ne erano andati via. Oggi, la tonnara dei Florio che è stata restaurata ha tegole di vetro colorato, stucchi, nursery e spogliatoi che mostrano l’intervento di grandi architetti”.

Pensa di aver raccontato anche ai non siciliani una storia che è anche un po’ quella dell’Italia?

“Ci sono moltissime microstorie di famiglie in tutta Italia per cui si può parlare della storia attraverso quella dei singoli. In Sicilia questo diventa particolarmente forte perché, più che in altre Regioni, la storia d’Italia è passata attraverso il nostro territorio. Ricordiamo che l’unità d’Italia è iniziata a Marsala. La Battaglia di Calatafimi è la battaglia fondamentale attraverso la quale la Sicilia, di fatto, la Sicilia passa nelle mani di Garibaldi. Dobbiamo renderci conto che ci sono dei territori che hanno una forza e un orgoglio che difficilmente è sovrapponibile ad altri”.

Ci sarà anche un seguito della saga dei Florio?

“Sono morti tutti, quindi non è il caso di andare oltre”.

Booking.com

Il tour dei Florio nella Sicilia occidentale

Benché buona parte delle vicende narrate nei romanzi “I leoni di Sicilia” e “L’inverno dei Leoni” sia ambientata a Palermo, la Sicilia occidentale gioca un ruolo chiave nell’evoluzione della storia. A partire dalla tonnara di Favignana, alle Egadi, dove è nato il tonno Florio, in uno degli stabilimenti più all’avanguardia dell’epoca che oggi è un museo e si può visitare.

Così come lo stabilimento di Marsala, a una trentina di chilometri da Trapani, dove ancora oggi si produce uno dei migliori vini liquorosi del mondo, nato per fare concorrenza al portoghese vino Madeira, molto amato dagli inglesi. I nuovi proprietari vi hanno ricavato una splendida sala degustazione e un’enoteca, tappezzata con le locandine pubblicitarie della famosa Targa Florio, la più antica corsa automobilistica al mondo e tra le più note in Italia. È rimasta tale e quale, invece, l’antica bottaia, con le botti in rovere di Slavonia. È direttamente da qui che partivano le navi della Navigazione Generale Italiana di proprietà dei Florio che portavano il loro Marsala in tutto il mondo.

marsala-saline

Le saline di Marsala