5 cose da fare a Bordeaux tra vino, storia e architettura

Solo chi non è mai stato a Bordeaux può pensare che tutto quello che abbia da offrire sia legato esclusivamente al vino

Oltre al vino c’è molto di più. Solo chi non è mai stato a Bordeaux (o non si è mai interessato a questa città dalla storia ultramillenaria) può pensare che tutto quello che abbia da offrire sia legato esclusivamente all’ottimo (e omonimo) vino.

È molto vicina all’Italia perché si raggiunge con i voli low cost dai nostri principali scali. Inoltre, è molto più economica di Parigi ed è quindi un’ottima alternativa per chi cerca un’idea weekend.

Bordeaux ha un centro storico perfettamente conservato, dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco.

All’interno di questo perimetro ricadono ben 347 edifici, molti dei quali dall’elevatissimo valore storico, architettonico e artistico. A questo si uniscono lunghissime spiagge sabbiose “affacciate” direttamente sull’Oceano Atlantico, una ricchissima tradizione enogastronomica e un panorama culturale di grande spessore.

Insomma, tutti gli ingredienti per dedicare almeno un fine settimana in una delle città più sorprendenti della Francia. Scopriamo le 5 cose da fare assolutamente quando vi trovate a Bordeaux.

Ammirare la Tour Pey Berland

Se vi trovate nel centro storico di Bordeaux è impossibile non notarla. La Tour Pey Berland è il campanile della Cattedral di Saint André, nel cuore della città girondina, dove svetta grazie ai suoi 66 metri di altezza. Aperta al pubblico e visitabile, permette di godere di una vista meravigliosa – e a 360° – su tutto il centro storico. Per arrivare in cima, però, si dovranno “scalare” i 231 gradini della sua rampa. Sulla sua cima è posta una statua della madonna, chiamata Notre-Dame d’Aquitaine: alta sei metri e completamente in oro, pesa 1,3 tonnellate. Per entrare e arrivare in cima si paga un biglietto di 6 euro, ma l’ingresso è gratuito per tutti gli under 25 residenti nell’Unione Europea.

Andare a Place de la Bourse

Il connubio tra Bordeaux e l’acqua è innegabile. Adagiata sulle rive di uno dei maggiori estuari d’Europa, dotata di un porto nel quale arrivano merci da tutto il mondo e circondata spiagge con dune altissime, Bordeaux vive con l’acqua e per l’acqua. Non ci si deve stupire, dunque, se al centro di una delle piazze principali – la Place de la Bourse –  c’è il più grande specchio d’acqua artificiale del mondo. Per secoli ha rappresentato il simbolo di Bordeaux, segno della sua grandezza e della sua ricchezza. Realizzata nel corso del 1700 – sono stati necessari oltre 20 anni per completarla – Place de la Bourse è circondata da maestosi palazzi, le cui facciate si specchiano a ogni ora del giorno nella sua immensa piscina.

Scoprire Le Monument aux Girondins

Tra le attrazioni e i monumenti più fotografati di Bordeaux, Le Monument aux Girondins celebre tutti gli abitanti della regione morti nel corso della Rivoluzione francese. La colonna, alta 43 metri, sorge al centro dell’Esplanade des Quinconces che, con i suoi 120 mila metri quadrati, è tra le più grandi al mondo.

Assaggiare il Bordeaux

Come dicevamo, la città girondina non è solo vino. Ma è impossibile pensare di visitarla e non assaggiare neanche un calice dell’ottimo rosso prodotto nei vigneti e nelle campagne che circondano la città. Scegliete uno dei tanti café lungo le rive della Garonna o nel centro storico della città, fatevi portare la carta dei vini e scegliete quello che vi ispira di più. O, se non siete proprio degli intenditori, fatevi consigliare da un cameriere. Oppure potete andare nel ristorante della famosa Cité du Vin e già che ci siete visitarla: è un monumento al vino. In autunno o a primavera, poi, è bellissimo andare a visitare i châteaux che si trovano nei dintorni, dove si prodiuce il vino, immersi tra splendidi i vigneti.

Attraversare il Pordont de Pierre

Commissionato da Napoleone e finito di costruire nel 1822, è il primo ponte in pietra mai realizzato a Bordeaux. Prima di questa data, per passare da una sponda all’altra della Garonna era necessario affidarsi a uno dei tanti barchini presenti. Lungo 487 metri, si compone di 17 arcate e oggi è attraversato ogni giorno da decine e decine di tram ultramoderni, che consentono di viaggiare tra la parte moderna e quella antica della città.

bordeaux-autunno-panorama-vino-vigneti

@123rf

5 cose da fare a Bordeaux tra vino, storia e architettura