Una giornata a Malmö: cosa vedere della città svedese

Una guida dei monumenti e dei musei da visitare a Malmö. Indossa scarpe comode e parti alla scoperta della deliziosa città svedese.

Situata all’estremo sud della Svezia, Malmö è la terza città più grande e con maggior numero di abitanti della nazione. Collegata alla Danimarca dal ponte sospeso più lungo d’Europa, il Ponte di Oresund, è uno dei paesi nordici più interessanti da scoprire. Il tratto caratteristico della città è rappresentato dalla perfetta armonia tra passato e modernità. Malmö è l’antica Chiesa di San Pietro, lo storico Castello ma anche la città del Turning Corso, grattacielo a forma di spirale progettato dall’architetto spagnolo Santiago Calatrava. E poi ancora musei, parchi e la spiaggia di Ribersborg. Una città tutta da scoprire a piedi o in bici, proprio come farebbe un local. Ecco cosa visitare a Malmö in un giorno.

Centro storico della città: Gamla Staden

La prima tappa dell’itinerario porta a conoscere il cuore medievale della città, il Gamla Staden. Il centro storico di Malmö con le sue tradizionali casette medievali e le storiche piazze della città ricche di bistrot e bar sempre affollati. Si parte da Lilla Torg, la più piccola delle piazze della città ma anche la più caratteristica. Costruita verso la fine del ‘500 è caratterizzata dalle casette medievali in mattoni marroni o colorati, con le facciate decorate da strisce nere incrociate ed i tetti spioventi. La strada in ciottoli e lo stile architettonico ricordano gli antichi borghi medievali dei paesi del Nord. Lilla Torg è anche il fulcro della vita notturna.

E’ qui che gli abitanti di Malmö si danno appuntamento per un aperitivo o una cena. La serata poi continua in uno dei tanti bar e locali che si affacciano sulla piazza e sulla Lampada Gigante che dal calar del sole illumina Lilla Torg. Percorrendo pochi metri si arriva a Stortoget, la piazza più grande e antica di Malmö. E’ stata costruita nel 1536 ed ospita uno dei monumenti più belli della città, il Municipio. L’edificio fu edificato nel 1546 in stile gotico e poi ristrutturato nel 1800 rispettando i canoni dell’architettura rinascimentale. Il Municipio non è aperto al pubblico ma è possibile visitare alcune sale entrando nel Radhuskallaren, il ristorante situato al piano terra.

Da Stortoget percorrendo la Sodergatam (la via dello shopping) si arriva all’ultima piazza, la Gustav Adolfs torg. Costruita nel XIX secolo è il luogo ideale per una piacevole sosta. Circondati da alberi è possibile gustare su una panchina le classiche pietanze svedesi da acquistare presso i chioschi che si trovano in piazza. Da assaggiare assolutamente i kanelbullar, i dolci rotolini alla cannella celebrati ogni anno il 4 ottobre. A Gustav Adolfs torg si tengono inoltre numerosi eventi, festival oltre i noti mercatini di Natale.

La Chiesa di San Pietro (Sankt Petri kyrka)

La Chiesa di San Pietro è il monumento più antico della città. La sua costruzione risale al 1319 ed è una preziosa testimonianza dello stile gotico baltico e del rigore della chiesa luterana. La semplice facciata in mattoni rossi e la torre di 105 metri sono gli elementi che caratterizzano la Chiesa di San Pietro. All’imponenza dell’edificio si contrappone la semplicità degli ambienti interni del tutto privi di elementi decorativi sfarzosi. Domina il bianco reso ancor più luminoso dalle ampie vetrate. Il pulpito, la fonte battesimale e la pala d’altare in stile barocco sono gli unici elementi ricchi di questa chiesa luterana. Di tutti gli affreschi del ‘300 che ornavano la Chiesa di San Pietro sono ancora oggi visibili soltanto quelli della Cappella dei Commercianti. La chiesa si può visitare dal lunedì al venerdì, dalle 9:00 alle 17:30. L’ingresso è gratuito.

Moderna Museet: 5000 m² dedicati all’Arte Moderna e Contemporanea

Sempre nel centro storico della città si trova il Moderna Museet, la sede distaccata del museo di Stoccolma. Lo spazio espositivo è stato ricavato in quella che era una vecchia centrale elettrica costruita nei primi anni del ‘900. Il Moderna Museet merita una visita in quanto la sua collezione internazionale è tra le più importanti del Nord Europa. Qui è possibile ammirare le opere dei più noti artisti moderni e contemporanei dal 1900 ad oggi. Da Picasso, Matisse, Salvador Dalì, Kandinsky a Rauschenberg. L’ingresso al Moderna Museet è gratuito ed è inoltre possibile scaricare l’app per usufruire dell’audioguida anch’essa gratuita. Il museo è aperto tutta la settimana ad eccezione del lunedì. Gli orari sono i seguenti:

  • martedì e sabato 10:00-20:00;
  • mercoledì e giovedì 10:00-18:00;
  • sabato e domenica 11:00-18:00.

Invitiamo a consultare il sito ufficiale del Moderna Museet per verificare eventuali cambiamenti.

Il Castello di Malmö

Lasciamo il centro storico per raggiungere il Castello di Malmö situato nel polmone verde della città e circondato dall’acqua del fossato. L’edificio ha una lunga storia e negli anni ha subito diverse modifiche. La costruzione ebbe inizio nel 1434 per volontà del re Eric di Pomerania. Fu poi in seguito demolito e ricostruito dal re di Danimarca Cristiano II che ne fece la sua residenza reale. Malmö all’epoca apparteneva al regno della Danimarca. Nel 1658 divenne territorio svedese ed il Castello fu trasformato prima in fortezza e poi in prigione (fino agli inizi del XX secolo). Verrà nuovamente ricostruito nei primi trent’anni del ‘900 riprendendo l’originario stile rinascimentale. Attualmente l’edificio ospita i più importanti musei della città:

  • il Museo d’Arte: dove è possibile ammirare la ricca collezione d’arte svedese e nordica con opere dal XVI secolo ai giorni nostri;
  • il Museo Civico: dedicato alla storia della città;
  • il Museo di storia naturale: dedicato principalmente al regno animale. Da non perdere la ricostruzione di una giraffa in dimensioni naturali, l’acquario per osservare le barriere coralline e pesci esotici ed il terrario che ospita i pitoni;
  • il Museo Marittimo e della Tecnologia: tra i tanti reperti esposti si consiglia di entrare nel vero sottomarino che ospita il museo e di ascoltare un po’ di musica jazz suonata da un’orchestra meccanica.

Diverse alternative per concludere la giornata a Malmö

Quelli proposti fino ad ora sono i monumenti imperdibili di questa splendida città svedese. Per concludere l’itinerario proponiamo altri luoghi che meritano una visita: i parchi, il Turning Torso e la vicina spiaggia di Ribersborg.

I parchi: Slottsträdgården, Kungsparken, Folkets Park

I primi due parchi Slottsträdgården e Kungsparken sono quelli che circondano il Castello di Malmö. Sono entrambi luoghi magnifici in cui passeggiare e trascorrere qualche ora a contatto con la natura e gli animali come cigni ed anatre. Slottsträdgården, “il parco del castello”, è caratterizzato dai suoi alberi secolari, i laghetti, le fontane e le diverse sculture. Il Kungsparken, “il parco del re”, è il più antico della città. Qui dominano i giardini inglesi, rari alberi esotici, un mulino a vento e gli immancabili laghetti e corsi d’acqua.

Al confine con questo parco si trova la biblioteca civica. Una struttura moderna, completamente rivestita in vetro che dà sul parco adiacente, un luogo ideale per dedicarsi alla lettura in completo relax. Se si è accompagnati da piccoli viaggiatori è il caso di trascorrere qualche ora al Folkets Park, altra area verde della città dotata di mini golf, giostrine ed aree dedicate al picnic con tanto di barbecue. Malmö è inoltre ricca di skatepark apprezzati dagli skater di tutto il mondo per le strutture di alto livello. Tra questi consigliamo il Stapelbäddsparken ed il Kroksbäck Skatepark, considerati i migliori della città.

Lo skyline di Malmö: il Turning Torso

Il Turning Torso è l’edificio residenziale più alto della Svezia ed il secondo più alto in Europa. Con i suoi 190 metri di altezza ed i suoi 54 piani è diventato il simbolo dello skyline della città. L’edificio è stato progettato dall’architetto spagnolo Santiago Calatrava ed è stato inaugurato nel 2005. Il Turning Torso però non è un semplice grattacielo. La torsione di 90° della struttura ne fa un’opera architettonica avveniristica. L’edificio è costruito in vetro, acciaio e cemento armato ed è rivestito da pannelli di cristallo ed alluminio. In totale si possono contare nove cubi rotatori nei quali sono stati realizzate abitazioni di lusso ed uffici. Il Turning Torso merita di essere osservato da vicino ed offre ai visitatori l’opportunità per visitare il quartiere in cui sorge, Västra Hamnen. Da quartiere degradato a zona di tendenza grazie alla presenza di nuovi parchi ed attività commerciali che richiamano sempre più turisti e local.

La spiaggia di Ribersborg

Quando si pensa ai paesi nordici è difficile immaginare qualcosa di diverso dalla neve e dal clima rigido. Ma Malmö, con la spiaggia di Ribersborg sfata questo mito. Poco distante dal centro della città è possibile calpestare la sabbia e godersi una lunga passeggiata di 2,5 chilometri. In estate si può provare anche l’esperienza di tuffarsi nel mare del Nord, che a Ribersborg ha guadagnato la Bandiera Blu internazionale. Il panorama è davvero unico: il mare, la rigogliosa natura svedese, il suggestivo Ponte di Oresund da un lato ed il Turning Corso dall’altro. La presenza di bar e ristorantini, le ampie aree verdi attrezzate per i bambini, i lunghi pontili che protendono nel mare, la spiaggia accessibile anche agli amici a 4 zampe e le piste ciclabili fanno della spiaggia di Ribersborg una meta veramente adatta a tutti.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Una giornata a Malmö: cosa vedere della città svedese