Visto turistico per Singapore: dove richiederlo, costi e durata

Visto turistico per Singapore: quando serve, quali sono i requisiti, dove richiederlo, quanto vale e quali sono i costi per ottenere questo permesso per andare in vacanza

Il visto turistico per Singapore non è previsto per soggiorni inferiori ai novanta giorni. L’esenzione del visto è prevista sia per l’ingresso per via aerea che per quello via terra dalla Malesia. Al turista che si reca a Singapore per trascorrere la vacanza serve solo un passaporto con validità residua di almeno sei mesi dalla data di arrivo nel Paese. Per fermarsi a Singapore o in Malasya oltre i 90 giorni previsti dall’esenzione dal visto, è necessario richiedere il permesso alle autorità competenti. Molto diversa e più ostica la procedura per chi si reca a Singapore per lavoro.

Questo visto può essere di diverse tipologie. Il più richiesto è il Singapore Employment Pass, che viene rilasciato a dirigenti e manager qualificati. Gran parte della burocrazia deve essere disbrigata dal datore di lavoro; infatti insieme alla domanda per il visto, deve produrre il passaporto, una foto tessera a colori e recente, il curriculum e il certificato del titolo di studio, una lettera di referenze dall’Italia e una dalla ditta operante sul territorio malese. Se tutto è conforme alla normativa vigente, viene rilasciato un permesso che da diritto a un visto di trenta giorni che servirà al lavoratore per entrare nel Paese.

Il visto turistico per Singapore non è necessario, mentre lo è quello per lo studio. Infatti per recarsi a studiare a Singapore bisogna ottenere lo Student Pass, richiedibile online dall’Italia ma che si può ritirare una volta arrivati nel Paese. Premettiamo che bisogna essere iscritti a uno degli atenei presenti sulla lista degli Insitute of Higher Learning per ottenere il permesso studio. Per qualsiasi problema sorto una volta arrivati a Singapore è possibile chiedere informazioni e consigli all’Ambasciata italiana in Thomson Road 27.

La baia di Singapore è una delle mete più ricercate per le vacanze invernali dai turisti, soprattutto quelli italiani che prediligono i mesi di gennaio e febbraio per recarsi in vacanza in queste zone. In effetti è il periodo migliore perché la stagione è ancora secca. Durante la stagione dei monsoni tutta questa zona dell’Oceano Indiano è da evitare per possibili tifoni e acquazzoni improvvisi. Durante una vacanza a Singapore vi suggeriamo di visitare il National Orchid Garden dove si possono ammirare migliaia di specie diverse di orchidee, alcune molto particolari e colorate.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Visto turistico per Singapore: dove richiederlo, costi e durata