Vacanze in camper, per evitare l’overtourism è boom di dupe destination

Quest'estate assisteremo a un vero e proprio boom di “destinazioni copia”, alternative alle mete più visitate

Foto di SiViaggia

SiViaggia

Redazione

Il magazine dedicato a chi ama viaggiare e scoprire posti nuovi, a chi cerca informazioni utili.

Quest’estate assisteremo a un vero e proprio boom di “dupe destination” (letteralmente “destinazione copia”), quelle mete “clone” di quelle più richieste che tutti vogliono visitare onde evitare di trovarsi in quelle destinazioni sovraffollate soggette al cosiddetto overtourism. Questa nuova tendenza, nata su TikTok e legata, inizialmente, all’industria beauty, si sta diffondendo sempre più anche nel mondo dei viaggi, come svela una recente analisi di Expedia Group da cui è emerso che nel 2024 i vacanzieri sono pronti a partire per luoghi più inaspettati e, spesso, anche più convenienti.

Anche per chi è solito trascorrere le vacanze in campeggio sia a bordo di un camper sia in tenda, benché questo tipo di viaggio garantisca maggiore flessibilità e libertà di movimento, ci sono delle “dupe destination”. Sì, perché, se è vero come i dati riportano che quest’anno il settore dei viaggi tornerà ai numeri pre-pandemia se non addirittura li supererà talmente sta andando bene, anche i camperisti dovranno trovare delle alternative per non trovare troppa folla.

Le “dupe destination” per i camperisti

La piattaforma di noleggio camper CamperDays ha creato una lista di mete alternative suggerite per le proprie vacanze on the road in nome di un turismo più attento con lo scopo di rigenerarsi lontani dalle folle di turisti.

Lione, “dupe destination” di Parigi

Quest’estate, per esempio, è l’anno di Parigi per via delle Olimpiadi che prendono il via il 24 luglio. Peraltro, i prezzi nella Capitale francese saranno ancora più elevati del solito. Ecco allora che la “dupe destination” alternativa a Parigi è Lione (che è anche molto più vicina all’Italia). Se non si vuole rinunciare alla magica atmosfera parigina (Lione per certi verso le somiglia molto) unita a un budget ridotto e, magari, alla passione per lo sport (fino al 9 agosto si svolgono le partite di calcio, maschili e femminili, che fanno parte delle gare per i Giochi Olimpici) questa è la scelta giusta. Lione ha un centro storico che è Patrimonio Unesco, ha il secondo più grande quartiere rinascimentale al mondo dopo Venezia, ha ben due fiumi, il Rodano e la Saona, in mezzo ai quali sorge il quartiere della Presqu’île, la penisola che ospita eleganti palazzi, negozi d’alta moda, raffinati caffè e splendidi teatri ed è la patria della nouvelle cuisine francese nata con Paul Bocuse. Appena fuori dal centro ci sono numerosi campeggi e le aree di sosta, principalmente localizzate lungo il Saona, la rendono una meta ideale per un viaggio on the road in Francia.

Girona, “dupe destination” di Barcellona

Chissà perché tutti vogliono andare a Barcellona… E non una ma due, tre, quattro volte. Le rambla sono sempre super affollate di turisti, per non parlare poi del lungomare di Barceloneta o del quartiere storico, il Barri Gòtic, delle code infinite per visitare la Sagrada Familia o Casa Batlló. Eppure, a pochi chilometri da Barcellona c’è una città molto bella, che molti hanno imparato a conoscere perché ci atterrano i voli low cost di Ryanair. Stiamo parlando di Girona, meta alternativa che offre un autentico spaccato della vita della Catalogna senza, tuttavia, le folle e i costi di Barcellona (da cui dista circa un’ora e mezza). Anche a Girona c’è la rambla, il cuore pulsante della città con negozi e locali della movida notturna che da Pont de Padra segue il corso del fiume Onyar costeggiando deliziose case colorate e possenti archi costruiti in epoca romana. Sebbene l’architettura dal sapore medievale di Girona possa essere ammirata in tutta la città, il suo grande punto di forza sono le imponenti mura che circondano il confine orientale del centro storico, da cui si ha una vista eccezionale sui dintorni di questa graziosa cittadina. A 500 metri dal centro è possibile stazionare con il proprio camper o van in un’area di sosta provvista solo di elettricità oppure ci si può spostare verso la Costa Barcelona in uno dei tanti campeggi attrezzati.

Galway “dupe destination” di Dublino

Questo consiglio è valido non soltanto per chi trascorre le vacanze in camper, dato che non è da tutti fare un viaggio guidando fino all’Irlanda. Infatti, si sa che gli italiani, dopo Barcellona, amano molto anche Dublino, che visitano più volte nella vita. Dublino, infatti, è piena di turisti in qualunque momento dell’anno, persino a novembre quando piove e fa freddo perché il loro Halloween è il più bell’evento che si possa festeggiare o a marzo quando celebrano la festa di San Patrizio, patrono d’Irlanda. Se si vuole trovare meno folla di turisti ci sono delle “dupe destination” consigliate alternative a Dublino, Una di queste è Galway, nel Sud dell’isola, meno affollata e meno cara. Anch’essa adagiata su un fiume, il Corrib anziché il Liffey, ogni angolo di questa città racconta la storia d’Irlanda: le mura medievali, lo Spanish Arch, Quay Street e il coloratissimo Quartiere Latino con i tanti pub per chi vuole immergersi nella tradizione irlandese.