Dove andare in campeggio in Italia

Le vacanze in campeggio sono l'ideale per chi ama il contatto con la natura: ecco le migliori location italiane dove soggiornare

Trascorrere le vacanze in campeggio non è da tutti. In media soltanto una persona o due su cinque prenderebbe davvero in considerazione l’alternativa fare le vacanze in tenda oppure noleggiando roulotte o camper. Gli amanti del campeggio, negli ultimi anni sempre più numerosi, invece sanno perfettamente quali sono e quanti sono i vantaggi di questa alternativa sostenibile e avventurosa. Spesso si associa l’idea del campeggio alla mancanza di comfort, ma non è affatto vero. Sparsi per tutta Italia e non solo – anche per tutto il mondo – il popolo dei campeggiatori può scegliere tra centinaia di strutture e di campeggi che offrono tutto il comfort e le strutture necessarie per trascorrere una gloriosa vacanza a stretto contatto con la natura. Una vera vacanza attiva. Negli ultimi anni i camping si sono inoltre evoluti e a livello internazionale ha ormai preso piede, ad esempio, il fenomeno del glamping (camping + glamour) o del recente staycation, strutture nelle quali è possibile soggiornare in tende speciali, delle vere e proprie suite, in suggestivi lodge ecosostenibili o case sugli alberi che vi permetteranno di vivere davvero un sogno a occhi aperti.

Questo semplicemente per dire che un campeggio è in realtà sinonimo di comfort e non il contrario. Un’esperienza unica dove il fascino e il senso di libertà prendono facilmente il sopravvento su tutto il resto, riuscendo così a ottenere un relax completo, all’interno di cornici naturali e panorami mozzafiato. Investire in una minima attrezzatura da campeggio che, se tenuta bene, vi durerà molti anni e calcolato il risparmio effettivo di una vacanza in campeggio, sono due ulteriori vantaggi che di sicuro non si possono sottovalutare. Una vacanza in campeggio permette infine di diventare più consapevoli e più attenti – pensando ai propri bambini e ragazzi – al rispetto dell’ambiente, allo smaltimento dei rifiuti nonché agli sprechi di risorse fondamentali quali il cibo, l’acqua o il gas. Vediamo ora quali sono le mete migliori in Italia per un’indimenticabile vacanza in campeggio.

Campeggio in Italia: sul lago di Garda tra natura e comfort

I turisti del nord Europa, da anni più preparati di noi in tema di campeggio, hanno sempre amato il lago di Garda, il cui territorio è condiviso da tre delle più belle regioni d’Italia: Lombardia, Trentino e Veneto. Le località che si affacciano sulle acque del lago, tra cui Peschiera del Garda (Verona), San Felice del Benaco e Gardone Riviera (Brescia), offrono strutture ben attrezzate e dotate di tutti i comfort, che permetteranno a tutti gli amanti del camping la soluzione più affine alle proprie esigenze di avventura e di relax. Qui, con una piccola piazzola per la propria tenda si possono effettuare numerose escursioni alla scoperta del suggestivo castello di Sirmione e il suo borgo medievale disteso sulla suggestiva penisola che si allunga dentro il lago, nonché gli affascianti borghi di Lazise e Bardolino, alle spalle dei quali si aprono le eccellenti colline della Valpolicella con i suoi sterminati vigneti famosi in tutto il mondo.

A 20-30 minuti di macchina si possono raggiungere inoltre il piccolo borgo di Castellaro Lagusello, Borghetto sul Mincio e la città di Verona. Il versante bresciano del lago da invece la possibilità di scoprire il leggendario Vittoriale di Gabriele d’Annunzio a Gardone Riviera e le storiche località di Salò, Toscolano Maderno, Gargnano con i suoi limoni e i suoi capperi, fino ad arrivare all’altopiano di Tremosine sul Garda e i suoi piccoli borghi. La punta settentrionale del lago di Garda, infine, compresa entro il territorio del Trentino riserva ai campeggiatori gli splendidi borghi di Arco e Canale di Tenno.

Campeggio in Italia: il meglio delle Dolomiti in campeggio

Il Trentino Alto Adige e le valli dolomitiche sospese verso il Veneto e l’Austria offrono senza dubbio una delle migliori esperienze di campeggio che si possano desiderare. I sacchi a pelo disponibili in commercio permetteranno di scaldare anche i più freddolosi e sono realizzati per donare calore a temperature ben più estreme di quelle che si possono sperimentare sulle Dolomiti d’estate. Tra boschi, vita all’aria aperta e sentieri escursionistici che permettono di scoprire panorami mozzafiato come ad esempio quelli della val di Fassa, della val di Fiemme, della Valsugana o del lago di Ledro con le sue piccole spiagge, tornare a casa la sera e godersi le stelle seduti fuori alla propria tenda è davvero un’esperienza indimenticabile. Il lago di Ledro, non distante dal lago di Garda, comprende i piccoli borghi di pietra di Pieve e Molina, mentre dalla val di Fassa (Sèn Jan di Fassa) si raggiungono facilmente le località di Vigo di Fassa, Moena, tutti i borghi della val di Fiemme con le loro tradizioni uniche, il parco Naturale di Paneveggio e delle Pale di San Martino fino alle dolomiti Bellunesi con i borghi di Mel e Pedavena, il Catinaccio, Canazei e il passo Pordoi.

Campeggio in Italia: la Sardegna in libertà

Strano a dirsi, ma la Sardegna è un’isola che offre numerose mete per trascorrere le vacanze in campeggio, al di fuori certo delle destinazioni più esclusive come la costa Smeralda. Un’isola dunque dove ogni esperienza di viaggio è ben accolta, a partire dall’incantevole golfo di Orosei, con la stupenda spiaggia di cala Gonone, una delle più famose di tutta la Sardegna, i piccoli borghi dell’entroterra come Dorgali, Oliena e Orgosolo. Poco più a sud si apre inoltre l’area di Tortolì e di Arbatax con le sue incantevoli rocce rosse. All’estremità sud orientale dell’isola, nella lussureggiante costa Rei, dove oltre al turismo esclusivo di Villasimius il territorio selvaggio di capo Carbonara ospita anche alcuni camping affacciati sul mare e dotati di tutti i comfort.

All’estremità occidentale, invece, proprio sotto l’isola di San Pietro con lo splendido borgo di Carloforte, l’isola di Sant’Antioco è una delle mete più conosciute per effettuare vacanze in libertà, grazie alla presenza di circa 150 spiazzi messi a disposizione di campeggiatori rispettosi e consapevoli della bellezza che li circonda. Anche la penisola del Sinis, situata più a nord oltre la costa Verde e affacciata sul golfo di Oristano, offre alcune interessanti soluzioni per trascorrere le vacanze in campeggio accanto alle rovine dell’antica città fenicio-romana di Tharros e alcune delle spiagge più belle della Sardegna, come Is Arenas e Is Arutas con i loro preziosi e delicati micro cristalli di quarzo multicolore.

Campeggio in Italia: la Maremma Grossetana e il monte Argentario

Anche la Toscana, con la suggestiva area marittima del monte Argentario, le sue fresche pinete, le spiagge affacciate sul Tirreno e i suoi eccellenti borghi offre ai campeggiatori esperienze uniche e ottime strutture dove trascorrere le vacanze immersi nella natura. La Maremma Grossetana è un territorio unico nel suo genere con alle spalle una storia antichissima e tutta da scoprire, che si riflette nei magnifici borghi sparsi sul suo territorio come Sorano, Sovana e Pitigliano; l’incantevole borgo di pietra di Montemerano fino ad arrivare a Magliano in Toscana e la splendida Capalbio in direzione del Tirreno dove si innalza il promontorio del monte Argentario, di fronte alle località turistiche di Orbetello e Ansedonia. Sul promontorio allungato sul mare, i borghi marinari di porto Santo Stefano e porto Ercole, dove pare morì Caravaggio nel 1610, sono assolutamente da non perdere.

Campeggio in Italia: la costa laziale, Anzio e il parco della Gallinara

Anche la costa tirrenica situata nelle immediate vicinanze di Roma, quella compresa tra Pomezia, Anzio e Nettuno offre la possibilità di vivere il mare e la natura circostante anche in campeggio. Il parco della Gallinara è un sito di interesse comunitario che comprende una splendida pineta, un rigoglioso lecceto e una lussureggiante macchia mediterranea che fanno da sfondo a un litorale incontaminato di circa 3 km, con sabbia dorata finissima e un mare cristallino. Oltre al parco della Gallinara, sul litorale di Anzio troviamo anche la riserva Naturale WWF di Tor Caldara, il suggestivo parco archeologico di Anzio affacciato sul mare con la villa Imperiale di epoca romana, lo scenografico arco Muto e le grotte di Nerone, l’incantevole porto e, infine, il borgo antico di Nettuno affacciato direttamente sul mare.

Campeggio in Italia: la costa degli Dei tra Vibo Valentia e Tropea

In Calabria i campeggi vista mare di certo non mancano e seduti comodamente a pochi metri dalle acque del Tirreno si possono pianificare escursioni nelle località dei dintorni, tra cui la magnifica Tropea con il suo centro storico medievale che termina con un’emozionante balconata a picco sul mare, l’antico borgo di Spilinga nell’entroterra e le frastagliate e selvagge scogliere di capo Vaticano seguendo la costa verso sud.

Campeggio in Italia: tutto il fascino dell’Adriatico

Non solo il Tirreno, ma anche l’Adriatico e le sue coste offrono mete indimenticabili per trascorrere le vacanze in campeggio a tu per tu con la natura mediterranea e dolci entroterra fatti di colline e piccoli borghi. In una terra come l’Emilia Romagna, che ha fatto dei propri servizi, della propria ospitalità e del proprio cibo uno dei miglior biglietti da visita del nostro paese a livello internazionale, non potevano di certo mancare splendidi campeggi iper attrezzati dove l’ultima cosa che si sente è la mancanza di una camera d’albergo, soprattuto sulla riviera Romagnola, dove l’ampio litorale sabbioso e la pineta sterminata che corre lungo la costa offre tranquillità e aria fresca a due passi dal mare.

Superata Ancona si apre poi il magnifico promontorio del Conero, con il suo mare azzurro e le sue spiagge rocciose, la riviera di Civitanova Marche, Porto Sant’Elpidio, il borgo di Grottammare, San Benedetto del Tronto e di Tortoreto. L’entroterra marchigiano si sviluppa in un saliscendi di dolci colline ingiallite dal sole, sui pendii delle quali spuntano piccoli borghi di pietra medievali (Gradara, Frontino, la leopardiana Recanati, Castelfidardo, Potenza Picena, Loreto e il suo santuario), uno più incantevole dell’altro e tutti da scoprire. Entrando in terra d’Abruzzo poi, il parco del Gran Sasso permette ai campeggiatori di vivere un’autentica esperienza di vita d’appennino, alla ricerca di antichi borghi (Atri, Roccascalegna, Rocca San Giovanni, San Salvo, Lanciano, Orsogna) ed eccellenze gastronomiche lungo gli antichi tratturi.

Qui, fino a qualche decennio fa, avveniva l’arcaico fenomeno della Transumanza delle mandrie, antichi sentieri, alcuni dei quali ormai inghiottiti dalla vegetazione, su cui i pastori spostavano gli armenti dalle montagne d’Abruzzo fino alle murge della Puglia e della Basilicata. Sul promontorio pugliese del Gargano infatti la natura selvaggia della foresta Umbra è un’altra delle cornici ideali dove trascorrere le proprie vacanze in campeggio. A differenza del Salento, negli ultimi anni preso un po’ troppo d’assalto dai turisti, qui si recuperano ritmi più lenti a contatto con la natura, che comprende l’incantevole scenario del laghi di Lesina e Varano, la riserva Marina delle isole Tremiti e il mare che che abbraccia i candidi ed esotici tetti piatti di Vieste e di Peschici, le case ammassate le une sulle altre di Vico del Gargano e degli altri borghi marinari sparsi sulla costa come Rodi Garganico.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Dove andare in campeggio in Italia