Quali sono i “luoghi del cuore” del FAI

I diciannove beni monumentali che il FAI ha deciso di sponsorizzare per il loro recupero

E’ stata presentata la lista dei siti e dei monumenti che ricevereanno i fondi del FAI per un progetto di recupero e restauro.

1. La Cittadella di Alessandria

Progetto di recupero e di un programma di valorizzazione a favore del sito.

2. La Chiesa di San Nicola a San Paolo di Civitate (FG)
Restauro della facciata della Chiesa seicentesca, situata nel nucleo più antico del centro storico.

3. L’Abbazia della SS. Trinità di Monte Sacro a Mattinata (FG)
Sistemazione del sentiero che conduce all’Abbazia.

4. Il Museo di Totò nel Rione Sanità a Napoli
Progetto di allestimento degli spazi destinati a ospitare il Museo nel Palazzo dello Spagnuolo.

5. Il Faro del Monte della Guardia sull’Isola di Ponza (LT)
Per preservare i caratteri distintivi e di pregio del bene, in stato di abbandono e degrado.

6. Il Parco del Castello di Miramare a Trieste

7. Il Tempio della Congregazione Olandese Alemanna a Livorno

8. La Cattolica di Stilo (RC)
Illuminazione architetturale del monumento

9. La Chiesa di San Salvatore de’ Birecto ad Atrani (SA)

10. Il Colombarone – Cascina Leonardesca a Vigevano (PV)

Recupero dei fregi e delle lapidi commemorative risalenti al 1486.

11. L’Oratorio del Sasso a Cursolo Orasso (VCO)

12. Il Monte Somma a Pollena Trocchia (NA)

13. L’Edicola dei giornali di Piazza Vigo ad Acireale (CT)
Recupero stilistico e architettonico della struttura in stile liberty.

14. La Basilica della SS. Annunziata a Firenze

15. Il Giardino del Monastero delle Orsoline a Calvi dell’Umbria (TR)
Restauro di alcuni elementi architettonici e del giardino per poterlo riaprire al pubblico.

16. L’Alpe Cortlys – Sikken – Salzen a Gressoney La Trinité (AO)

17. Il Giardino Nicola Calipari di Piazza Vittorio Emanuele II a Roma

18. La Pieve Romanica di Santa Maria ad Nives a Mirandola (MO)

19. Il Parco di Villa Strozzi a Gonzaga (MN)
Recupero e riqualificazione del parco romantico che circonda la villa.

Quali sono i “luoghi del cuore” del FAI