Trasforma un anno sabbatico nel suo lavoro: la vita di un travel blogger

Doveva essere un anno di sosta e invece Amar Hussain non è mai tornato a casa. Ecco com'è la sua vita oggi

Viaggiare per vivere è il sogno di molti ed ecco cosa serve per riuscire a realizzarlo. Lo spiega il travel blogger Amar Hussain.

Approcciarsi al mondo del lavoro è qualcosa che può spaventare. Non si tratta soltanto del timore di fallire, di non riuscire a trovare una buona collocazione in ufficio. Al centro dei propri dubbi vi è soprattutto il timore di ritrovarsi a vivere una vita che non si è mai desiderato in fondo. L’idea di restare rinchiusi in un ufficio ore ed ore, forse per la maggior parte della propria vita da adulti, fa tremare le gambe.

Gap Year Escape - Travel Blogger

Fonte Foto: Instagram

C’è dunque chi accetta tale destino e magari va incontro al lavoro dei propri sogni, chi invece, come Amar Hussain, decide di prendersi un anno di tempo per riflettere. Ciò avveniva nel 2009, dopo la sua laurea, quando questo giovane decise di lasciare il Regno Unito e partire. Da allora sono però trascorsi nove anni e lui non è ancora tornato a casa per quella ricerca lavorativa che l’attendeva. Oggi viene invece pagato proprio per la sua voglia di prendere in volo e girare il mondo.

Il suo impiego è infatti quello di “travel blogger”. Amar documenta i propri viaggi e ispira la gente che ha abbastanza coraggio per seguire le sue gesta e imitarlo. Gli studi gli avevano sempre impedito di alimentare la propria passione per i viaggi e ora tutto questo si è tramutato in una carriera di successo: “Mi è sempre piaciuto scrivere e m’interessava l’idea di documentare i miei viaggi. Inizialmente ho speso fin troppo e mi sono ritrovato in Australia. Lì ho fatto dei lavori alquanto bizzarri, che normalmente non avrei accettato. Quando le cose hanno poi iniziato a mettersi male, ecco che il blog ha visto aumentare la propria popolarità, con l’arrivo delle pubblicità”.

Gap Year Escape - Travel Blogger

Fonte Foto: Instagram

Seppur di poco conto, i guadagni iniziarono ad arrivare, finanziando nuovi viaggi ma soprattutto spingendo Amar a dedicare sempre più tempo al blog, Gap Year Escape, passando da simpatica distrazione a stile di vita. Non è di certo qualcosa di fattibile per chiunque, ma per molte persone non esiste sogno più grande.

Ad oggi ha visitato 224 città e 57 paesi, spostandosi tra tutti i continenti del pianeta. Tra le sue più seguite avventure ci sono l’incontro con i pinguini, il percorso in bici sulla “death road” in Bolivia, l’esplorazione della Namibia e il bagno con le tartarughe delle Galapagos.

Gap Year Escape - Travel Blogger

Fonte Foto: Instagram

Trasforma un anno sabbatico nel suo lavoro: la vita di un travel ...