Parigi: prezzi in picchiata. E’ il momento giusto per andarci?

L’Europa, e Parigi in particolare, fa paura ai vacanzieri. I voli per la ville lumière sono semi vuoti

parigi-tDal 13 novembre, giorno del massacro di Parigi, viaggiare fa un po’ più paura. I tour operator non vendono più viaggi per la Francia e per il Belgio. Le tariffe aeree sono stracciate. Gli aerei sono praticamente vuoti. Ecco il risultato degli attentati terroristici che stanno seminando il panico tra i viaggiatori.

La prima a pagarne le spese è Parigi, che da sempre è al top delle classifiche mondiali. Parigi è sempre stata la meta più visitata del mondo. La Tour Eiffel il monumento più visto, il museo del Louvre il più frequentato del pianeta. E adesso? Le statistiche sono destinate a crollare drasticamente. L’impressione dei viaggiatori è che Parigi oggi sia la città più pericolosa del mondo!

Basta guardare i siti delle compagnie aeree, anche di linea, per vedere che i prezzi dei voli con destinazione Parigi sono ai minimi storici.

L’altra meta off limits per i turisti è Bruxelles. Anche per la città belga le offerte fioccano.

Ma ora la mappa dei luoghi da evitare si è notevolmente allargata e c’è crisi anche per i viaggi in Nord Africa e Medioriente. Oltre ai Paesi palesemente a rischio, come Libia, Siria, Tunisia ed Egitto, ci sono andati di mezzo anche il Marocco e il Kenya, ma anche gli Emirati Arabi Uniti, l’Oman e la Giordania.

Quali sono le mete alternative dove andare ora quindi? I tour operator stanno vendendo molto le destinazioni verso Stati Uniti, Giappone, Sudamerica e Caraibi. Per quanto riguarda l’Europa, invece, Spagna, Portogallo e Germania non fanno paura e i turisti stanno continuando ad andare.

Parigi: prezzi in picchiata. E’ il momento giusto per andar...