Crisi Alitalia, punti Millemiglia e biglietti premio

Il programma Millemiglia di Alitalia scade il 31 marzo 2018. Cosa fare per non perdere i punti

L’attuale programma Millemiglia di Alitalia scade il 31 marzo 2018. È questo il termine entro il quale possono essere richiesti i premi previsti e smaltiti i punti accumulati.

In genere si proroga di anno in anno, ma a causa del commissariamento della compagnia aerea è lecito avere dei dubbi. In caso di fallimento di Alitalia, infatti, il recupero del credito comporterebbe un iter molto più lungo.

Cosa si può fare con le Millemiglia prima che scadano o che si perdano definitivamente, quindi? I punti fedeltà si possono utilizzare per acquistare biglietti aerei anche di altre compagnie aeree, quelle che fanno parte dell’Alleanza SkyTeam, tra cui ci sono Air France e KLM Royal Dutch Airlines, ma anche Etihad e i suoi partner.

Per convertire i punti in biglietti Alitalia è necessario comunque pagare qualcosa. Per esempio, un volo Milano Linate – Cagliari di sola andata vale 10.000 miglia più 27,46 euro in Standard Economy.

Al momento non è possibile convertire i punti in premi, la pagina web Millemiglia Gallery non è raggiungibile.

Il programma di fidelizzazione ha 5 milioni di iscritti, di questi, 3,5 milioni solo in Italia. Si tratta della partita più a rischio in mano per ora a Etihad Airways, la compagnia aerea degli Emirati Arabi Uniti che detiene il 49% di Alitalia e che ha acquistato il 75% di Alitalia Loyalty, l’azienda che si occupa della gestione di Millemiglia.

Crisi Alitalia, punti Millemiglia e biglietti premio