Milano, la patria dell’happy hour

Raccontare la propria giornata davanti a un cocktail o a un buon bicchiere di vino: ecco i locali più trendy della città

A Milano lo chiamano happy hour. Nelle altre città d’Italia è “l’aperitivo alla milanese”. Perché il capoluogo lombardo fa sempre tendenza. L’ora dell’aperitivo è il momento migliore della giornata, quando, dopo otto ore di lavoro, si incontrano gli amici veri e si scambiano due chiacchiere davanti a un buon bicchiere e a piattini sfiziosi. Al rientro da una vacanza, poi, di cose da raccontare e foto da mostrare ce ne sono un’infinità. Ecco i luoghi della movida milanese che stanno per aprire per la nuova stagione, per chi ci vive e desidera scoprire nuovi locali, e per chi è di passaggio, per un giorno o un weekend, e vuole vivere la ‘Milano da bere’. Oltre alle zone della città già famose per l’alta concentrazione di locali notturni, come Brera e i Navigli, sono sempre più numerose le aree periferiche che vengono riqualificate e che passano da essere quartieri secondari a zone di tendenza. L’intervento di architetti emergenti e di fama internazionale o di fashion designer che scelgono di allestire i loro show room all’interno di ex fabbriche e capannoni, ha fatto sì che zone brutte rinascessero e diventassero molto cool.

Corso Como
E’ la via più trendy di Milano. Qui, e in tutto il quartiere – viale Pasubio, via de Tocqueville fino a corso Garibaldi – si concentrano i locali più in voga. Dal Toqueville al Lotvs, dal lounge dell’hotel UNA Tocq all’Eleven c’è solo l’imbarazzo della scelta. E’ qui che bazzicano i vip ed è facile incontrarne qualche celebrity sorseggiando un mojito.

Zona Sempione
E’ il quartiere più residenziale della città e i tanti locali notturni aperti negli ultimi anni hanno creato non poco scompiglio tra gli abitanti della zona, come il Gattopardo e il Roialto. Molti si trovano nei pressi dell’Arco della Pace, come il famoso Living, ma alcuni sono sorti addirittura all’interno del vicino Parco Sempione, uno dei polmoni di Milano. Famoso è il Just Cavalli Café, frequentato dal mondo della moda, ai piedi della Torre Branca, riaperta di recente, ma punto di incontro per i giovani milanesi, soprattutto con la bella stagione, è il Bar Bianco.

Zona Idroscalo
Per raggiungerla bisogna fare un viaggio, ma una volta arrivati i ne vale la pena. Qui i locali godono del vantaggio avere spazio a volontà. Il Papaya Beach Club è una sorta di oasi tropicale con sabbia bianca e poltrone di vimini che ricordano le serate trascorse sulla spiaggia. Il Beach Solaire, con la sua terrazza sull’acqua, regala momenti di completo relax, mentre Le Jardin au Bord du Lac è l’ideale per chi ama tirare tardi.

Milano, la patria dell’happy hour