Crociere, si riparte dalle isole private: le principali destinazioni

Le compagnie di crociere potrebbero puntare alle loro splendide destinazioni private per ripartire

Dopo mesi di stop, qualcosa sembra muoversi anche per quanto riguarda il mondo crocieristico. In questi giorni si sta parlando della possibilità di ripartire con i viaggi in crociera, naturalmente nel massimo rispetto delle misure di sicurezza. E una delle ipotesi più interessanti sembra essere l’idea di sfruttare le destinazioni private.

Molte compagnie di crociere hanno creato, negli anni, dei veri e propri paradisi ad uso e consumo dei loro passeggeri. Sono isole private presso cui le navi fanno rotta, per concedere ai viaggiatori qualche giorno di relax su spiagge incantevoli e qualche tuffo rinfrescante in acque cristalline. Ripartire da queste località potrebbe essere il modo migliore – e più semplice – per garantire la sicurezza dei passeggeri: nessun contatto con le popolazioni locali e maggior facilità nel mettere in piedi dei protocolli per il distanziamento sociale e le altre misure a tutela della salute.

Quali saranno, dunque, le destinazioni principali che potrebbero segnare la ripartenza dei viaggi in crociera? Una delle più famose è senza dubbio Ocean Cay Marine Reserve, l’isola privata della MSC: inaugurata solamente un anno fa nel cuore delle isole Bahamas, è un gioiello che spicca tra le tantissime mete della compagnia navale. Conta ben 3 km di spiagge incantevoli, dove poter trovare angoli di natura incontaminata a pochi passi da ogni comodità. Ed è anche un capolavoro green, dal momento che la MSC ha profuso tutto il suo impegno nel rispetto dell’ambiente e della splendida area marina su cui sorge Ocean Cay.

Sempre alle Bahamas, altre destinazioni private sono Great Stirrup Cay (appartenente alla Norwegian Cruise Line) e Perfect Day at CocoCay (della Royal Caribbean). La prima è un vero e proprio sogno a 5 stelle, tra resort esclusivi con spiaggia privata e un’ampia gamma di servizi. CocoCay è invece un parco divertimenti che regala grandissime emozioni: piscine incredibili e decine di scivoli mozzafiato, ma anche gite in mongolfiera e cabine galleggianti, per una vacanza all’insegna del divertimento.

La Princess Cruise offre ai suoi passeggeri l’incantevole paradiso privato di Princess Cays, situato sull’isola di Eleuthera. È il luogo perfetto dove dedicarsi ad attività in mare aperto, tra snorkeling e pesca: le sue acque trasparenti e i fondali ricchi di vita marina sono uno spettacolo da non perdere. Lo stesso si può dire di Half Moon Cay, l’isola privata della Holland America Line, ancora alle Bahamas. Qui vi attendono anche numerose escursioni nella natura selvaggia – tra un tuffo e l’altro, naturalmente. Per i più piccoli, la Disney Cruise Line ha in catalogo la splendida Castaway Cay, dove decine di personaggi dei cartoni animati garantiscono divertimento infinito (ma non mancano, ovviamente, attrazioni per adulti).

Se siete invece alla ricerca di un paesaggio diverso rispetto alle Bahamas, c’è ancora molta scelta. Ci sono Grand Turk e Amber Cove, rispettivamente presso le isole Turks e Caicos e lungo la costa settentrionale della Repubblica Dominicana – entrambe le destinazioni appartengono alla Carnival. Ad Haiti spicca invece Labadee, destinazione privata della Royal Caribbean, mentre la Norwegian Cruise Line possiede anche Harvest Caye, in Belize.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Crociere, si riparte dalle isole private: le principali destinazioni