Green Pass per ristoranti e non solo: in quali Paesi è obbligatorio

Tutti i Paesi d'Europa in cui il Green Pass serve per viaggiare, ma anche solo per andare al ristorante

A causa della diffusione della variante Delta, molti Paesi d’Europa stanno decidendo di utilizzare il Green Pass non solo per viaggiare, ma anche per accedere a ristoranti, mezzi pubblici e molto altro ancora. Vediamo insieme quali Paesi d’Europa hanno reso (o stanno per farlo) il Pass Covid obbligatorio anche nei luoghi al chiuso.

La situazione in Austria

In Austria le regole sono piuttosto vincolanti. Qui, infatti, hotel e ristoranti sono aperti, ma all’ingresso è richiesto di esibire un un certificato vaccinale o una prova di guarigione, o l’esito negativo di un tampone. Segue, inoltre, la registrazione con nome e cognome. Tuttavia, una volta entrati nei locali al chiuso si può stare anche senza mascherina. Gli hotel, inoltre, offrono test agli ospiti ogni 48 ore. Regole che sono valide anche per i club notturni — che possono funzionare al 75% della capacità — e sono in vigore fino al 23 luglio, poi saranno riaggiornate.

La situazione a Cipro

Anche Cipro permette l’ingresso in bar, pub, hotel e ristoranti solo a chi è vaccinato e mostra un pass — che a Cipro si chiama “SafePass” — che provi una delle due condizione suddette. Cipro permette anche di entrare al ristorante a chi mostra un tampone negativo, e l’isola è disseminata di punti per eseguirlo gratuitamente.

La situazione in Danimarca

La Danimarca è stata uno tra i primi Paesi a introdurre un certificato Covid obbligatorio già la scorsa primavera. Ciò vuol dire che ristoranti, musei, cinema, teatri e parrucchieri sono accessibili solo a chi mostra la app “Coronapas”, che certifica la vaccinazione o il tampone negativo. L’applicazione è nata prima della certificazione europea, e lo scopo — prima che viaggiare all’estero — era quello di rendere sicuri gli spostamenti interni

La situazione in Francia

Come annunciato dal presidente Macron, la Francia punta tutto sui vaccini per tenere a bada i contagi, e da agosto estende l’obbligo di pass sanitario per entrare in caffè, ristoranti, centri commerciali, come anche aerei, treni, pullman di lunga percorrenza e strutture mediche. In alternativa si dovrà mostrare un test negativo, da effettuare a proprie spese.

La situazione in Germania

In Germania la app “CovPass Check” registra lo stato vaccinale e il più recente tampone effettuato. Ristoratori e albergatori possono — ma non è obbligatorio, e le regole variano da Land a Land e persino da un’azienda all’altra — chiedere ai visitatori di mostrarla, e di lì decidere se accordare o meno l’ingresso.

La situazione in Grecia

Lunedì sera, contemporaneamente a Macron, il Primo ministro della Grecia Kyriakos Mitsotakis ha annunciato che entreranno in vigore regole più strette a breve: i luoghi della cultura così come ristoranti e bar non saranno più accessibili a coloro che non sono vaccinati. L’obbligo di vaccinazione sarà introdotto a breve anche per i sanitari.

La situazione in Irlanda

L’Irlanda ha introdotto una legislazione temporanea, per ora valida fino ai prossimi tre mesi, per i servizi al coperto, come i ristoranti. In questa fase l’accesso a ristoranti e hotel è permesso solo a chi è completamente vaccinato o guarito dal Covid, e in possesso di un “Covid cert“. Solo in un secondo momento l’accesso sarà permesso anche ai non vaccinati in possesso di un tampone negativo recente.

La situazione in Lussemburgo

In Lussemburgo gli esercizi commerciali come ristoranti, bar, palestre e gli organizzatori di eventi possono decidere se partecipare o meno al sistema “CovidCheck” che permette loro di liberarsi delle restrizioni sanitarie in vigore per le loro attività, limitandole ai vaccinati, guariti o negativi ai test Covid.

La situazione in Portogallo

In Portogallo da sabato 10 luglio vige l’obbligo di richiedere a tutti i turisti e i residenti un certificato vaccinale nei ristoranti, per dare un posto a sedere. I ristoratori, già provati dalla pandemia e dagli orari di apertura ancora ristretti, protestano: al momento hanno un pass solo due milioni di portoghesi, cioè uno su cinque. E i turisti sono ancora pochi per le restrizioni sui viaggi. Ma il Paese è in allarme a causa della risalita dei casi, più di tremila al giorno nello scorso weekend.

La situazione nelle Repubbliche Baltiche

In Lituania e Lettonia solo le persone vaccinate possono consumare pasti al ristorante, andare in palestra, al cinema e a teatro. Gli altri si siedono fuori , con rigide regole di distanziamento e limiti al numero di commensali e partecipanti.

Italia e Green Pass per ristoranti e altro

L’Italia non esclude di seguire la linea dei Paesi sopraelencati. Infatti, tra le misure che il governo discuterà per fermare l’aumento dei contagi da Covid-19 c’è il rilascio del Green Pass solo dopo la seconda dose, ma anche l’ipotesi di adottare il modello francese, ossia di imporlo per salire sui treni o andare al ristorante, nei bar e nei centri commerciali.

Per chi non fosse ancora riuscito a scaricare il Green Pass, ecco una breve e semplice guida per farlo.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Green Pass per ristoranti e non solo: in quali Paesi è obbligatorio