Un giorno a Bassano del Grappa: cosa vedere dal Ponte degli Alpini

Cosa fare a Bassano del Grappa e cosa vedere nel meraviglioso borgo del Veneto, dove si è fatta la Storia.

Attraversata dal fiume Brenta, Bassano del Grappa è una delle città più popolate e sviluppate del Veneto. Il suo artigianato, con le eccellenti ceramiche, e la tradizione gastronomica legata alla preparazione di prodotti come gli asparagi, il baccalà e la famosa grappa sono l’orgoglio della città. Le vicende storiche che hanno interessato questo piccolo centro e i dintorni, hanno plasmato l’aspetto di questo bellissimo borgo d’Italia.

“Sul Ponte di Bassano, là ci darem la mano…” citava una vecchia canzone degli Alpini. In questa guida, vi proponiamo un itinerario di un giorno a Bassano del Grappa con alcuni consigli su cosa vedere. Scopriremo così quanto il centro sia legato ai ricordi della Grande Guerra attraverso la storia del suo Ponte; concluderemo la passeggiata in città con un bicchiere di grappa, eccellenza veneta per antonomasia.

Situato nel punto in cui il fiume Brenta si restringe, il Ponte vecchio o degli Alpini è da sempre simbolo della città di Bassano del Grappa. La sua struttura originaria era in legno, ma in seguito ad esondazioni del fiume e danni provocati dalle guerre venne distrutto e ricostruito svariate volte. Nel 1567 l’architetto Palladio ne progettò una nuova ricostruzione, ma l’idea venne bocciata poiché il disegno proposto era troppo somigliante all’architettura dei ponti romani. Si optò quindi per mantenere come progetto quello originale, ma apportando soluzioni tecniche e strutturali all’avanguardia.

Nel febbraio del 1945 il Ponte fu protagonista nella difesa della città negli ultimi mesi del secondo conflitto mondiale: i partigiani, per proteggere Bassano del Grappa durante le azioni di sabotaggio degli Alleati, fecero esplodere il Ponte dando luogo anche ad una rappresaglia nazista. Il Ponte venne poi ricostruito per volontà degli Alpini e inaugurato nel 1948. È lungo ben 64 metri e largo 8 e la tettoia è alta 4,30 metri e poggia su due file di 19 colonne. Peraltro, il Ponte di Bassano è tappa obbligata dell’itinerario ciclabile della Valsugana, interessante percorso tra Trentino Alto Adige e Veneto.

In fondo al Ponte di Bassano è possibile visitare anche il Museo degli Alpini dove sono raccolti cimeli e documenti fotografici del corpo militare impegnato sul Grappa e su altri fronti di guerra. All’ingresso del Ponte un’altra cosa da vedere è la Grapperia Nardini, che oltre alle grappe classiche vi proporrà anche la “tagliadella” liquore tipico della zona. Una visita al Museo delle distillerie Poli soddisferà le vostre curiosità circa la produzione di questo famoso prodotto.

Uscendo dal ponte sul lato opposto al centro potrete fare una bella passeggiata costeggiando il Brenta per arrivare alla “via del tabacco” nota un tempo per le “masiere” dove veniva coltivato il tabacco.

Sempre a pochi minuti dal Ponte degli Alpini, dedicate un po’ di tempo alla visita del Museo Hemingway e della Grande Guerra ospitato in Ca’ Erizzo Luca, residenza della “Sezione Uno” delle ambulanze della Croce Rossa di stanza a Bassano del Grappa che tra i volontari vantava anche il celebre Hemingway. Nelle 5 sale espositive vengono documentate le varie fasi del conflitto e le opere dello scrittore. Da non perdere la bellezza di Villa Angarano Bianchi Michiel che è inserita tra le residenze palladiane patrimonio dell’Unesco, portata a compimento da Baldassarre Longhena; la villa gode di una stupenda posizione sul fiume Brenta.

Inoltrandovi nel centro storico di Bassano del Grappa, nella piazza centrale del Monte Vecchio ammirate l’imponente palazzo del Monte di Pietà e la casa Dal Corno Bonato, la cui facciata vanta affreschi di Jacopo Da Ponte detto il Bassano. Fermatevi al Castello degli Ezzelini e visitate il Duomo di Santa Maria in Colle, iniziato nel 1000 e rifatto nel 1417. In piazza della Libertà da non perdere la chiesa di San Giovanni in stile neoclassico realizzata nel 1300 dall’architetto Miazzi e la Cappella del Sacramento in stile barocco.

Bassano del Grappa è un borgo veramente pittoresco la scelta tra cosa vedere è veramente ampia. Una chiesa da non perdere è quella di San Francesco, di stile romanico a croce latina ad unica navata; all’interno è custodito un affresco del 1613 raffigurante la Madonna con il Bambino, Sant’Antonio e San Francesco. Non potrete non notare la Torre civica che domina l’intero centro storico, la torre risale al XIII secolo. Degno di visita il Tempio Votivo dei Caduti in stile neo gotico; ideato all’inizio del Novecento fu destinato dopo la Grande Guerra ad Ossario dei Caduti del Grappa. In questo luogo sono sepolti 6.000 soldati.

Bella ed elegante, la città di Bassano del Grappa vi aspetta per un giro fra le sue vie e per un immancabile fotografia dal Ponte per immortalare un romantico paesaggio sul fiume che ha visto innamorarsi coppie di ogni generazione. Per concludere degnamente la giornata di visita, non vi resta che fermarvi in una trattoria a gustare i piatti tipici della tradizione, gustando a fine pasto una grappa locale.

Un giorno a Bassano del Grappa: cosa vedere dal Ponte degli Alpin...