Barcellona, quattro motivi per visitarla

La città spagnola è la capitale europea della vita notturna ed è sinonimo di divertimento

Capitale della Catalogna, Barcellona è la seconda città della Spagna dopo Madrid. E’ una meta indiscussa del turismo nostrano. Ogni periodo dell’anno è giusto per fare una capatina a Barça. Ma sono quattro i motivi per andarci ora.

1. Innanzitutto per il clima mite e per la vicinanza con il mare e le spiagge, poi per l’architettura antica e moderna, ma anche per la movida notturna e perché oggi è ancora più conveniente. Grazie ai sempre più numerosi voli low cost e alla breve durata del viaggio (poco più di un’ora) Barcellona è diventata una meta ideale per un fine settimana.
Dall’aeroporto Barcellona-El Prat si arriva nel centro della città con un comodo Aerobus, oppure in treno o con un bus urbano.

2. In soli due o tre giorni è possibile visitare la città e respirare l’atmosfera contagiosa. Il centro di Barcellona, il punto nel quale ci si ritrova più spesso per mille motivi, è l’immensa Plaza de Catalunya, dalla quale partono le Ramblas che conducono al porto, e il Passeig de Gracia, il viale moderno pieno di negozi alla moda e arricchito da alcuni tra e più originali edifici opere di Gaudì, come la Pedrera e Casa Batllò.

3. I quartieri storici. Da Plaza de Catalunya si entra direttamente nel Barrio Gotico, il centro storico della città fatto di vie strettissime e palazzi antichi. Da non perdere Plaza Real, con tutti i suoi tapas bar, e la Cattedrale. Non dimenticate di fare due passi anche a La Ribera, buttando l’occhio nei negozi di artigianato ricchi di oggetti curiosi.

Allontanandosi dal centro, è d’obbligo una visita alla Sagrada Familia, simbolo di Barcellona, la splendida opera incompiuta di Gaudì, che verrà quasi completamente terminata entro novembre e consacrata a vera Chiesa da Papa Benedetto XVI in persona. L’architetto catalano è autore anche del bellissimo Parc Guell, destinazione ideale per rilassarsi all’aria aperta tra arte e natura. Meritano una visita anche le due alture della città, raggiungibili con le funicolari, da dove si gode di un panorama unico su Barcellona: il Tibidabo, detto anche “la montagna magica”, dove si trova un parco dei divertimenti, e il Montjuic, sul quale si trova il castello e numerosi musei, tra cui la Fondazione Mirò.

4. La giornata si conclude inevitabilmente a Barceloneta, centro della vita notturna, che offre tantissimi locali pieni zeppi di giovani fino a notte inoltrata. Molti turisti amano Barcellona proprio per la movida notturna.

Barcellona, quattro motivi per visitarla