Il Trentino entra nella lista delle biosfere dell’Unesco

L'area delle Alpi di Ledro e Giudicarie conquista il titolo di Riserva della Biosfera Unesco

Un territorio di 47mila ettari tra il lago di Garda e le Dolomiti di Brenta può fregiarsi del titolo internazionale di “Riserva della Biosfera Unesco“. E’ stata approvato all’unanimità l’iscrizione di tre nuovi siti naturalisti italiani: le Alpi di Ledro e Giudicarie, il Delta del Po e l’Appennino Tosco-Emiliano.

Le Alpi di Ledro e Giudicarie sono quell’area compresa tra le Dolomiti, il Lago di Ledro, il Lago di Carera e il Lago di Garda, di circa 47.500 ettari, comprendente diversi habitat e culture tradizionale, con una popolazione di circa 15.800 abitanti. Qui l’agricoltura è la principale fonte di reddito; specialmente la viticoltura, l’olivicoltura, la coltura di frutta e verdura tradizionale.

La nuova Riserva della Biosfera Unesco Alpi ledrensi e Giudicarie può vantare luoghi di interesse culturale fra i più belli del Trentino, con cinque castelli, due musei, il Parco Naturale Adamello Brenta, tre dei borghi più belli d’Italia, due siti archeologi già Patrimonio dell’Umanità.

Il Trentino entra nella lista delle biosfere dell’Unesco