Singapore Airlines: svelato il mistero della telecamera a bordo

Un passeggero che di recente ha volato a bordo di un aereo della Singapore Airlines ha subito scatenato un’accesa discussione sui social

Un passeggero che di recente ha volato a bordo di un aereo della Singapore Airlines ha subito scatenato un’accesa discussione sui social.

Si è accorto che nel display di fronte al suo posto c’era una micro telecamera.

Non risulta che su nessuno schermo di nessuna compagnia aerea ci siano telecamere. Ecco allora che il passeggero ha iniziato a fare congetture: “Ci vogliono spiare”.

La risposta è molto semplice. SiViaggia ha contattato la compagnia aerea ed ecco cos’ha risposto.
“Alcuni dei nostri nuovi sistemi di intrattenimento a bordo, forniti dai produttori di apparecchiature originali, sono dotati di una fotocamera inserita nell’hardware. Queste fotocamere, ideate dai produttori in vista di sviluppi futuri, sono state disattivate permanentemente sui nostri aeromobili e non possono essere attivate a bordo. Non abbiamo in programma di consentire l’attivazione né di sviluppare alcuna funzionalità che utilizzi le fotocamere”.

Mistero risolto. Nessuno spia i passeggeri, qualunque motivo possa esserci, foss’anche per questioni di sicurezza.

La Singapore Airlines ha fatto intendere che, com’è all’avanguardia in tutto, è già pronta a eventuali nuovi servizi che potrà offrire ai propri passeggeri dal punto di vista del comfort e del piacere del viaggio.

Si tratterebbe, infatti, del nuovo sistema di intrattenimento in dotazione installato su alcuni velivoli della compagnia. Il fornitore ha dotato la Singapore Airlines dell’ultimo modello di display Lcd che incorpora una telecamera che però, precisa l’azienda, è disattivata.

Una webcam installata nello schermo del proprio posto potrebbe essere impiegata dal passeggero per effettuare videochiamate, quando un domani il Wi-Fi a bordo degli aerei on sarà più a pagamento e tutti potranno chattare a 11mila metri di altitudine come se fossero a casa.

Ma potrebbe semplicemente essere impiegata per contattare velocemente il personale di bordo, anziché premere il pulsante che accende la lucina sopra la poltrona e attendere che qualcuno se ne accorga. In questo modo l’assistente di volo potrebbe guardare in faccia il passeggero e chiedergli direttamente cosa desidera. Previo consenso da parte del passeggero ovviamente.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Singapore Airlines: svelato il mistero della telecamera a bordo