Nel Parco dei Castelli Romani c’è ora un nuovo itinerario cicloturistico

Alla scoperta del Parco e dei suoi 16 borghi. Un percorso in bici che si snoda tra storia, natura e arte

Lo splendore del Parco regionale dei Castelli da apprezzare in bici, seguendo un enorme percorso di ben 52 km, passando in rassegna ben 16 borghi.

Il Parco regionale dei Castelli romani vanta ora una nuova pista cicloturistica, che misura ben 52 chilometri. Un percorso immerso nella natura, che parte dalla stazione ferroviaria di Frascati, nell’area sudest di Roma, per poi condurre i visitatori appassionati di due ruote attraverso un’ampia fetta dell’area naturale protetta. Sarà possibile passare in rassegna tutti i comuni toccati dal Parco, optando eventualmente per una deviazione verso Velletri e Lariano, per un totale di 16 km.

Parco dei Castelli Romani

Parco dei Castelli Romani

Un lungo percorso ben studiato, in modo da garantire a tutti di ritrovare sempre la giusta via. Ciò è possibile grazie all’ottima segnaletica installata, così come alla traccia Gps, da scaricare prima di iniziare il proprio itinerario. Sarà dunque sempre possibile capire dove ci si trovi. Il comune di Roma ha così voluto incentivare l’uso di un mezzo non inquinante come la bicicletta, ponendo inizio e fine del percorso in corrispondenza di due stazioni ferroviarie. Sarà così possibile lasciare del tutto l’auto a casa, regalandosi una giornata totalmente green.

Locali e turisti resteranno sbalorditi nello scoprire le svariate aree naturali toccate dal tracciato. Basti pensare ai Colli Albani, che vantano splendidi borghi, laghi da sogno (Albano e Nemi in particolare) ed edifici storici. Luoghi legati a storie antiche, tra papato e famiglie nobiliari. Aree che hanno saputo ispirati i grandi della letteraura mondiale, come ad esempio Wolfgang Goethe, stregato da tanta bellezza nel corso del suo viaggio attraverso l’Italia.

Lago di nemi

Lago di nemi

Dei 16 boghi compresi nel Parco i più visitati sono di certo Albano Laziale, Castel Gandolfo, Ariccia, Genzano e Velletri, che offrono passeggiate piacevoli lungo il tratto delineato. Albano Laziale sorge tra i vigneti, vantando vini di pregio prodotti in storiche cantine. È inoltre possibile visitare il Cisternone, un enorme e antico deposito d’acqua sotterraneo. Castel Gandolfo offre invece panorami mozzafiato, essendo in cima a un cratere, che delimita il lago di Albano e la villa di Domiziano. Impossibile non fermarsi ad Ariccia, alla scoperta di monumenti barocchi del Bernini, per poi concedersi una sosta culinaria, assaggiando la celebre porchetta.

Ancora qualche chilometro in sella poi, così da digerire i manicaretti assaggiati, giungendo fino a Genzano. Un piccolo ma splendido borgo, esaltato dalla bellezza del lago di Nemi. Qui sarà possibile visitare il palazzo Sforza-Cesarini, cimentandosi alla scoperta del romantico giardino, magari in coppia, in un’atmosfera antica e ammaliante.

Castel Gandolfo

Castel Gandolfo

Nel Parco dei Castelli Romani c’è ora un nuovo itinerario ...