Acireale, scoperta una cripta con affresco raffigurante Gesù in croce

Un'interessante scoperta è avvenuta in Sicilia e più precisamente ad Acireale, dove è stata portata luce una cripta contenente un affresco molto particolare

Una nuova e importantissima scoperta è avvenuta in Italia e più precisamente ad Acireale, deliziosa località in provincia di Catania: nella sua maestosa Cattedrale è venuta alla luce una cripta al cui interno è contenuto un affresco con Gesù in croce.

Chi ha fatto la scoperta ad Acireale

È stato l’architetto Paolo Bella a condurre gli studi storico-architettonici nelle splendida Cattedrale di Acireale. Lavori che nello specifico hanno interessato l’aspetto più nascosto dell’intero edificio monumentale. Gli studi di ricerca, effettuati grazie all’ausilio di apparecchiature termografiche ed endoscopiche, hanno permesso di individuare la presenza di un vano sepolcrale posto al di sotto della pavimentazione. Si pensa, infatti, che l’attuale Cattedrale ricopra un’area che un tempo era adibita a zona cimiteriale

In seguito alle autorizzazioni pervenute dagli Uffici di Curia e dalla Soprintendenza di Catania, lunedì 24 gennaio alla presenza di Bella, del parroco don Mario Fresta, dell’architetto Antonio Caruso e dei restauratori Gianluca Musumeci e Carmelo Calvagna, si è provveduto alla rimozione di una porzione della pavimentazione posta all’interno della struttura religiosa.

Cosa è stato scoperto nella Cattedrale di Acireale

Grazie all’apertura creata, è stato possibile accedere alla cripta – mantenuta in buono stato – e scoprire il pregevole affresco raffigurante Gesù crocifisso con ai piedi anime del Purgatorio avvolte dalle fiamme. Il vano, come detto, si presenta in buono stato conservativo, sia per quanto riguarda gli intonaci, sia per la struttura muraria, come anche i colatoi.

Una scoperta non indifferente e che dimostra quanto il sottosuolo siciliano, ma di tutto il nostro Paese, sia ricco di opere e manufatti ancora celati. Tuttavia, non si hanno notizie precise relativamente alla datazione di tale dipinto. Sono ancora in corso, infatti, i lavori di studio e messa in sicurezza del sito per accertare a quale periodo storico risalga il ritrovamento.

Cattedrale di Acireale, uno spettacolo

Diventa ancora più bella, quindi, la Cattedrale dedicata a Maria Santissima Annunziata, ma comunemente legata al culto di Santa Venera, protettrice della città, le cui reliquie sono custodite all’interno.

Una chiesa che risale al XV secolo e che nel corso degli anni ha subito numerosi rimaneggiamenti e fino al 1872, periodo nel quale fu insignita del titolo di “Cattedrale”, poiché Acireale divenne diocesi autonoma.

Bellissime anche le opere custodite al suo interno come la Cappella di Santa Venera, dove sono gelosamente mantenute le reliquie della Santa, la statua che la raffigura scolpita da Mario D’Angelo nel 1651 e il fercolo argenteo risalente al 1658-1670.

Non mancano gli affreschi, tutti dipinti da Antonio Filocamo, mentre gli altri nel transetto e nella cupola sono a opera di Pietro Paolo Vasta, tra il 1738-1739. La volta invece è stata decorata da Giuseppe Sciuti alla fine del XIX secolo. Molto suggestiva è la meridiana ornata con i segni dello zodiaco custodita nel transetto e realizzata da C.F. Peters nel 1844 e decorata da G. F. Boccaccini poco dopo.

E fra qualche tempo, grazie a questa importante scoperta, avremo anche la possibilità di ammirare una cripta (in buone condizioni) con al suo interno un affresco di Gesù in croce che si pensa risalgano al 1500-1600, anche se solo ulteriori studi potranno dare maggiori informazioni in merito.

Cattedrale di Acireale scoperta

La facciata della Cattedrale di Acireale