Le Rocce Rosse di Arbatax, la “cattedrale” naturale sarda

Dalle mille sfumature di rosso, questa attrazione naturale incanta i turisti di tutto il mondo. Ecco dove si trova

C’è un posto fantastico in Sardegna, un luogo che sembra uscito dalle pagine di un libro, perfetto per fare da sfondo alle storie raccontate nei libri fantasy. Si tratta di Arbatax dove, ai piedi della collina di Bellavista, passando per una spiaggia di ciottoli bianchi, svettano le altissime Rocce Rosse.

Si tratta di una splendida cattedrale di porfido rosso che sorge nel mare, proprio a due passi dalla riva. È il colore rossastro, così spettacolare, a dare origine al nome di questa attrazione naturale, resa ancora più bella dal contrasto cromatico che si viene a formare grazie ai toni bianchi della spiaggia ciottolata e dal colore turchese del mare. Uno scenario perfetto, capace di lasciare a bocca aperta qualsiasi viaggiatore; e non solo loro a quanto sembra.

L’ambientazione, infatti, negli anni Settata ha affascinato la grande regista Lina Wertmüller che decise di girare il finale del suo film cult “Travolti da un insolito destino nell’azzurro mare d’agosto”. Qui i giganti rocciosi compaiono nella scena di chiusura, facendo intravedere anche il porto di Arbatax, località turistica a due passi comune di Tortolì.

Queste falesie di porfido dalle mille sfumature di rosso – che cambiano gradazione a seconda da dove le si guardi, dalla prospettiva e dalla luminosità – sono state modellate da acqua e vento nel corso dei secoli, che l’hanno resa quello splendore che oggi noi tutti conosciamo. Un autentico spettacolo naturale considerato, a ragione, anche il simbolo dell’Ogliastra, che conferma così l’incantevole bellezza di queste terre, capaci di custodire tesori sorprendenti.

Perfette per essere fotografate e ammirate, le Rocce Rosse di Arbatax sono l’ideale per essere anche vissute: molti esperti tuffatori, infatti, le scelgono per lanciarsi e fare un bagno nelle bellissime acque cristalline circostanti. Altri, invece, amano passare qui intere giornate estive ed andare alla scoperta di bellezze circostanti come la bellissima Cala Moresca, una caletta appartata nascosta proprio dietro le Rocce Rosse. Inoltre, solo a pochi chilometri, si trovano altre imperdibili spiagge come il Lido di Orrì, un luogo da sogno con le sue insenature e spiagge deserte; Cala Ginepro, San Gemiliano e quel paradiso tropicale di Cea, compreso tra i territori di Tortolì e Barisardo.

Un luogo perfetto, insomma, per chi vuole stupirsi ed è sempre in cerca di bellezze naturali.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Le Rocce Rosse di Arbatax, la “cattedrale” naturale sarda