Weekend d’autunno a Praga, una città tutta fascino e colori

Praga è una città ricca di tanti angoli suggestivi. Ecco i migliori consigli per scoprire la capitale ceca a settembre

Scoprire Praga in autunno può essere l’occasione perfetta per ammirare i paesaggi coloratissimi delle foglie cadenti (il cosiddetto ‘foliage’) in mezzo alle stupende architetture barocche della capitale della Repubblica Ceca.

Quanti hanno intenzione di scoprire Praga in 3 giorni si troveranno di fronte uno spettacolo incredibile, con angoli molto romantici e in grado di regalare paesaggi a dir poco suggestivi.

Il clima autunnale, tiepido e soleggiato, è eccellente per partire alla scoperta degli angoli caratteristici di Praga, partendo dal tradizionale quartiere di Malá Strana per poi spostarsi verso le colline nella periferia della città. Lo stupendo clima autunnale non è l’unico motivo per partire alla volta di Praga. In questo periodo le folle di turisti allentano la presa sulla capitale ceca, motivo per il quale le antiche strade della città e del centro storico risultano notevolmente meno affollate. Nessuna stagione è dunque migliore dell’autunno, se s’intendono scoprire le bellezze che Praga ha da offrire a visitatori e turisti evitando il sovraffollamento che si può verificare d’estate oppure durante i mercatini di Natale.

praga-mala-strana-t

Per ammirare Praga in autunno il luogo perfetto da cui cominciare è il quartiere storico della capitale ceca, una delle migliori località low cost dove trascorrere le vacanze a settembre. Partendo da Malá Strana non si può non passare sopra al Ponte San Carlo (in ceco Karluv Most), che collega il quartiere più centrale della città con la parte vecchia di Praga, nota come Staré Mesto. Dal ponte si possono ammirare i bellissimi colori della città, tra il bruno e il rosso delle foglie che cadono, riflesse nelle acque della Moldava, il principale corso d’acqua di tutta la Repubblica Ceca.

praga-stare-mesto-t

Chi vuole approfondire un po’ il quartiere di Malá Strana prima di dirigersi verso la Città Vecchia, può optare per la bella collina di Petrin, dove si trova uno degli osservatori più famosi di tutta l’Europa centrale. La zona, molto verde e bella, è situata nelle immediate vicinanze del Castello di Praga, situato su una delle alture che caratterizzano la città e realizzato secondo una sovrapposizioni di stili differenti nel corso dei secoli. La zona circostante, nota come Hradcany, è ricca di splendidi palazzi ed edifici di stile barocco, che rappresentano una delle aree più caratteristiche e al tempo stesso tra le più belle della capitale.

praga-ponte-carlo-t

La parte più bella di Praga in autunno è però un’altra ossia quella compresa nella parte vecchia della città. L’area di Staré Mesto regala alcuni degli scorci più belli dell’Europa orientale, soprattutto con i colori e i paesaggi da metà settembre in avanti. Uno di questi è senza dubbio la Staromestské Náméstí ossia la piazza della Città Vecchia, abituale punto di ritrovo per molti praghesi e turisti nelle notti d’estate e non solo. Sullo spiazzo si trovano alcuni degli edifici più famosi di Praga, come l’Orologio Astronomico e la chiesa di San Nicola.

praga-orologio-astronomico-t

L’orologio è di origine medievale e suona ad ogni ora fino alle 21, mostrando in movimento i dodici apostoli preceduti tutti dalla figura di San Pietro. La chiesa risale invece a metà del XVIII secolo ed è stata realizzata in stile barocco, con imponenti affreschi e raffigurazioni interne ad abbellirne le pareti. L’atmosfera della piazza, già di suo magica e quasi esoterica, assumerà ulteriormente valore durante il mese autunnale, quando i tramonti di uno spiccato colore rosso faranno riflettere di più il biancore delle abitazioni presenti.

Il weekend autunnale a Praga non potrebbe essere tale senza aver mancato infine una visita nel quatiere ebraico, senza dubbio uno dei più interessanti di tutta Europa. Lo Josefov ha numerosi punti di interesse, come le sinagoghe e il celebre cimitero, sorto già nel XV secolo. Una delle chiese ebraiche più celebri del Vecchio Continente e probabilmente pure del mondo intero è la cosiddetta Vecchia-Nuova, così chiamata perché il nucleo originario risale alla fine del XIII secolo. Secondo la leggenda questo luogo sarebbe stato quello in cui avrebbe risieduto il mitologico Golem, la creatura in argilla creata dal rabbino Judah Low per proteggere gli ebrei che vivevano in città.

praga-quartiere-ebraico-t

Estremamente interessante risulta essere anche il cimitero ebraico, conosciuto con il nome ceco di Starý Zidovský Hrbitov. Per oltre trecento anni gli ebrei che risiedevano a Praga seppellivano i loro morti in questo luogo e in alcuni punti le lastre si sovrappongono per molti metri. Un luogo macabro e suggestivo, che si potrà ammirare e apprezzare ancor di più con la sfuocata luce autunnale che permea la città tra settembre e le prime settimane di ottobre.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Weekend d’autunno a Praga, una città tutta fascino e colori