Viaggiatori smemorati: gli oggetti più strani dimenticati nei taxi

FREENOW ha stilato la lista dei Paesi più smemorati e ha svelato quali sono gli oggetti più strani e particolari che si dimenticano nei taxi

Foto di Sabina Petrazzuolo

Sabina Petrazzuolo

Lifestyle blogger

Una laurea in Storia dell’arte, un master in comunicazione e giornalismo e una vocazione per la scrittura, scova emozioni e le trasforma in storie.

“Chi vuole viaggiare felice deve viaggiare leggero”, scriveva Antoine de Saint-Exupéry in quella frase che nasconde una delle più grandi verità per gli esseri umani. Un’affermazione, questa, che può conoscere diverse interpretazioni, più metaforiche o letterali. Ma la verità è che ci sono molte persone che proprio non riescono a rinunciare al comfort fornito da tutti quegli oggetti utilizzati nel quotidiano, neanche quando sono in viaggio.

Così, tra borse straripanti di prodotti di varia natura e valigie che a mala pena riescono a chiudersi affrontiamo le nostre avventure. Le stesse che possono diventare frustranti e “drammatiche” quando perdiamo o dimentichiamo qualcosa durante un viaggio: confermate?

E succede molto più spesso di quanto vorremmo, di smarrire qualcosa durante un viaggio intendiamo. Lo confermano le nostre esperienze e anche FREENOW, fornitore di mobilità, che ha stilato la lista dei Paesi e delle città più smemorate d’Europa e l’elenco degli oggetti più strani dimenticati nei taxi. Vediamo quali sono.

Italiani, popolo di viaggiatori smemorati

Tutta colpa della fretta, o della distrazione, quella che ci fa smarrire le cose. Quando siamo in viaggio o, più semplicemente, ci spostiamo da una parte all’altra della città con un taxi. Il momento in cui si è più smemorati, secondo FREENOW, è il lunedì mattina e non fatichiamo a immaginare i motivi. Tra gli oggetti smarriti più frequentemente ci sono i telefoni, le borse e le chiavi. La cosa più strana dimenticata in un taxi? Una piscina gonfiabile.

Succede anche a noi italiani, molto più spesso di quanto crediamo. Secondo la lista dei Paesi più smemorati d’Europa, il Belpaese conquista la quarta posizione seguendo Francia, Grecia e Regno Unito che si piazzano sul podio. I più attenti, invece, sono Spagna, Germania e Polonia, particolarmente propensi a prendersi cura dei loro effetti personali. Al 5° posto, invece, troviamo l’Irlanda.

Diversa è, invece, la classifica delle città più smemorate d’Europa, dove l’Italia è presente solo con una città: Milano. Conquistano il podio, invece, Dublino, Londra e Madrid. Seguite poi da Barcellona, Parigi, Varsavia, Berlino, Atene, Amburgo e Valencia.

Gli oggetti più strani dimenticati in taxi

Cellulare e chiavi, come abbiamo anticipato, sono gli oggetti più dimenticati dai passeggeri nei taxi, ma insieme a questi troviamo tutta una serie di cose davvero particolari. Qualche esempio? Una piscina gonfiabile e un contratto di lavoro.

Secondo le analisi “Lost & Found” di FREENOW non sono poche le cose dimenticate ogni giorno dai passeggeri dei taxi, soprattutto nel mese di dicembre. Massima attenzione, quindi, a chi viaggia con regali di Natale al seguito.

Cellulari, borse e chiavi, dicevamo, conquistano il podio, seguiti poi da auricolari, cuffie e Airpods, portafogli e occhiali da sole e da vista. Alla lista dei più comuni si aggiungono anche i gioielli. Tra gli oggetti più strani dimenticati a bordo di un taxi, invece, troviamo una piscina gonfiabile e l’ecografia di un bambino, un contratto di lavoro e una ferita finta insieme a un tubetto di colla. Seguono Extension per capelli, una scimmia di marmo, panini con parmigiano e pancetta, lampada UV per unghie, un tutore medico per il collo e persino un martelletto neurologico del medico.

Una di queste cose vi è familiare? Niente paura: sul sito e sull’app FREENOW potrete reclamare i vostri oggetti smarriti!