Expo: le terrazze panoramiche più belle dove andare la sera

Cosa fare a Expo la sera: dalla cena gourmet alla movida

Con il biglietto di ingresso a 5 euro, la sera Expo si anima di visitatori che ammirano i padiglioni e cenano sotto le stelle. Punto di forza dei più frequentati sono le terrazze all’aperto. Rooftop panoramici da cui ammirare il cardo e il decumano e avere uno sguardo più ampio sull’intera Esposizione universale di Milano. I padiglioni di Expo diventano così ancora più belli oltre che sostenibili, grazie al verde pensile. La tendenza roof garden proveniente dal Nord Europa si è ormai affermata anche in Italia come autentico fenomeno metropolitano.

Hanno optato per il verde pensile la Corea del Sud, il cui tetto è una distesa di sedum in omaggio alla vegetazione dell’Europa del Sud; il Turmekistan su cui svetta un giardino con tanto di vialetti pedonali tra rose iceberg e arbustive, margherite, sedum e piante di ciliegio; il Kazakistan, coperto da una vegetazione popolata di arbusti che richiamano la steppa caucasica; il Belgio che ha scelto una copertura a prato verde con oasi green sui tre torrioni che abbracciano la cupola vetrata cuore del padiglione; il Qatar, che può contare su un enorme giardino pensile a prato popolato di festuca, pianta erbacea molto diffusa in tutta Europa, mixata a piante odorose, essenze e fioriere colorate e l’Oman, che riproduce, al vertice di architetture tipiche del sultanato, un prato verde con piante erbacee profumate. Tetto green anche per i padiglioni Mac Donald’s, New Holland e per il centralissimo Open Theatre.

Sui padiglioni di tanti Paesi, dunque, svettano alberi, crescono fiori e giardini incantati. Tetti verdi che migliorano il microclima, rinfrescano gli interni, favoriscono la riduzione delle polveri sottili senza trascurare i risparmi sul fronte energetico. E d’estate i visitatori li apprezzano di più.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Expo: le terrazze panoramiche più belle dove andare la sera