Cosa vedere a Luxor, antico miraggio d’Egitto

Guida alle attrazioni di Luxor, una delle principali mete turistiche egiziane e antica sede della città di Tebe.

La città di Luxor si trova in Egitto, nella Valle del Nilo, ed è situata sulla riva destra del fiume. Il centro urbano conta quasi 500.000 abitanti e dista circa 700 chilometri dal Cairo. Il fiume Nilo divide la città di Luxor in due parti: la parte occidentale di Luxor è quella che ospita le vestigia dell’antica necropoli egizia, mentre la parte orientale è quella più moderna. Questa incredibile città è una meta celebre in tutto il mondo per i suoi incredibili monumenti legati all’antico Egitto, oltre a essere una tappa obbligata per tutti coloro che visitano questo Stato navigando sul Nilo.

Considerata un vero e proprio museo a cielo aperto, Luxor è situata nell’area dove sorgeva l’antica città di Tebe, la quale fu un’importantissima capitale faraonica al tempo del Medio regno. Questa zona è di grandissima importanza per i suoi incredibili siti archeologici e per i due complessi templari per i quali Luxor è celebre in tutto il mondo, il tempio di Luxor e il tempio di Amon, situato nel villaggio di Karnak. La vasta area del sito archeologico di Tebe è stata inserita nell’elenco del patrimonio dell’umanità dell’Unesco nel 1979.

L’antico e imponente complesso templare conosciuto comunemente con il nome di tempio di Luxor si trova sulla riva est del fiume Nilo: l’inizio dei lavori di costruzione del complesso templare risalgono al XIV secolo avanti Cristo, ma il processo di edificazione vide numerosi interventi successivi e rimaneggiamenti. Il tempio è caratterizzato dalla presenza di un incredibile colonnato monumentale, da una statua di Ramses II e da splendide incisioni sulle pareti. Questo tempio era dedicato al dio Amon ed era strettamente collegato all’altro importante tempio della zona, quello che sorgeva nell’area dell’attuale villaggio di Karnak.

Il grande tempio di Amon, situato nel villaggio di Karnak, si trova a una manciata di chilometri da Luxor ed è un magnifico complesso templare che sorge sulla riva est del Nilo. Anche questo tempio è dedicato al dio Amon e al suo ingresso i visitatori vengono accolti da sfingi con teste d’ariete , mentre al suo interno troviamo l’antichissimo tempio di Ramses III, di piccole dimensioni ma di enorme valore storico. Anche in questo complesso templare troviamo numerosissime incisioni perfettamente conservate.

Di grandissima importanza è anche l’area conosciuta come Valle dei Re, anch’essa patrimonio Unesco, situata sulla riva occidentale del Nilo e considerata una delle principali aree archeologiche d’Egitto. Questa porzione di territorio, poco distante dall’odierna Luxor, è stata utilizzata per oltre cinque secoli come area di sepoltura da parte dei faraoni: in essa infatti è presente una incredibile necropoli risalente all’epoca compresa tra il XVI e l’XI secolo avanti Cristo. L’incredibile varietà delle strutture funerarie e le relative incisioni parietali fanno di questa necropoli una delle attrazioni archeologiche più importanti al mondo.

La città di Luxor non rappresenta unicamente una porta aperta sull’antico e glorioso passato dell’antico Egitto: sono infatti innumerevoli le testimonianze architettoniche che la città di Luxor presenta nell’ambito della cultura e dell’arte islamica. Tra i principali edifici religiosi musulmani del centro urbano spicca senza dubbio la splendida moschea di Abū al-Hajjāj, che fu realizzata nel XIII secolo dopo Cristo.

Questa incantevole moschea è situata nel complesso del tempio di Luxor; si erge sopra il tetto del cortile dedicato all’imperatore Ramses II, e presenta uno splendido minareto risalente all’XI secolo. La moschea deve il proprio nome al celebre sceicco e mistico sufi Abū al-Hajjāj Yusuf, il quale trascorse gran parte della sua lunga esistenza nella città di Luxor ed è ancora oggi considerato il santo protettore della città. La moschea a lui dedicata è tenuta in alta considerazione da tutti i fedeli.

Cosa vedere a Luxor, antico miraggio d’Egitto