Civitella Alfedena, il piccolo borgo antico nel cuore dell’Abruzzo

Civitella Alfedena, il borgo più piccolo del Parco Nazionale d'Abruzzo, è uno scrigno di storia e natura tutto da scoprire

Nel cuore del Parco Nazionale d’Abruzzo, Civitella Alfedena, il pittoresco borgo più piccolo del territorio con circa 300 abitanti e appena 30 kmq di superficie, è un vero e proprio gioiello architettonico arroccato a 1123 metri d’altitudine nel cuore dei Monti Marsicani.

civitella alfedena

Ph e55evu (IStock)

La sua storia affonda le radici nel Paleolitico superiore e numerosi sono stati i ritrovamenti archeologici nella cosiddetta “Grotta dei Banditi” (ora Grotta Achille Graziani dal nome dell’archeologo che la scoprì) che fanno luce sull’antico popolo dei Marsi che qui dimorava nel I millennio a.C.

Nel Trecento e nel Quattrocento, Civitella assume le caratteristiche di una cittadella fortificata con le antiche case che si aprono dal lato interno sulle vie lastricate molto strette punteggiate da rampe di scalini. Ancora oggi, il borgo conserva i tratti dell’epoca con le abitazioni disposte a formare un “muro di difesa” contro gli attacchi nemici e le intemperie.

civitella alfedena

Ph e55evu (Istock)

Il centro storico, inoltre, custodisce perfettamente conservati alcuni palazzetti del Seicento e del Settecento, botteghe di prodotti tipici ed è punto di riferimento per chi desidera intraprendere suggestive escursioni nelle aree faunistiche dei dintorni.

Scopriamo quali sono le meraviglie che Civitella, scelta dall’attore Giorgio Tirabassi per la presentazione del suo ultimo film “Il Grande salto”, ha in serbo per noi.

Chiesa di San Nicola

Nel cuore del centro, si staglia la seicentesca parrocchiale di San Nicola di Bari, con interno a tre navate barocche dove ammirare un pregevole coro ligneo e un importante organo a canne.

La chiesa nasce dall’ampliamento di una cappella privata restaurata negli anni Settanta ed è dedicata a San Nicola di Bari per sottolineare il legame con la Puglia, meta dei pastori abruzzesi durante la transumanza.

La facciata esterna mostra ancora alcuni fori di proiettili sparati durante la Seconda Guerra Mondiale.

La Casa-Torre e la torretta della Saettèra

Da vedere poi la casa-torre cilindrica, risalente al 1400 e ancora oggi abitata, e la cinquecentesca torretta della Saettèra che dalla parte più alta del borgo domina tutta la vallata sottostante.

Dalle sue piccole inferriate si potevano lanciare agevolmente frecce, o saette, contro i briganti.

Chiesa Santuario di Santa Lucia

Su una piccola altura a 300 metri dall’abitato, in posizione dominante sul Lago di Barrea e la Valle del Sangro, la chiesa santuario di Santa Lucia, ricostruita dopo il terremoto di Avezzano del 1915, conserva l’originale struttura a croce greca che la lega all’antica storia dei monaci maroniti che qui giunsero dal Libano.

È da sempre meta di pellegrinaggio.

Museo del Lupo appenninico

Sulla collina di fronte a Civitella, da non perdere è il Museo Area Faunistica del Lupo, che raccoglie una ricca documentazione sul lupo dell’Appennino e sulle sue abitudini di vita.

Pannelli illustrativi, uno scheletro ricostruito, un lupo imbalsamato e una tana con finti lupi vi faranno conoscere da vicino questo splendido animale.

civitella alfedena

Ph ValerioMei (Istock)

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Civitella Alfedena, il piccolo borgo antico nel cuore dell’Abruz...