Parchi nazionali d’Italia

24 parchi nazionali, 26 aree marine protette e 140 parchi regionali nel Belpaese

Prima del mare, il verde: l’Italia, con le importanti cifre di 24 parchi nazionali, 26 aree marine protette e 140 parchi regionali, può ovviamente pregiarsi di una indiscutibile predisposizione naturalistica: un ottimo punto di partenza per nuove forme di attività turistica e di viaggi ecologici.

Via libera dunque alle vacanze open-air nelle aree protette del Belpaese: i 24 parchi nazionali italiani, con i loro sentieri per escursioni a piedi o sulle due ruote, sono mete privilegiate per un turismo alternativo e offrono scenari che si adattano a tutti i gusti: montagne, laghi, isole e spiagge incontaminate.
Esiste anche una carta di agevolazioni e sconti interamente dedicata alle 22 zone protette d’Italia: è Parchicard, un progetto finanziato nel 2006 dal Ministero della Solidarietà Sociale e realizzato da CTS con la collaborazione dell’Associazione Carta Giovani e con il sostegno di Federparchi – Federazione Italiana Parchi e Riserve naturali e Federculture, Federazione Servizi Pubblici Cultura Turismo Sport e Tempo Libero.

Dal Parco Nazionale d’Abruzzo al Gran Paradiso, dal Circeo alle Cinque Terre passando per l’Arcipelago di La Maddalena, un parco geomarino dai 180 chilometri di coste. Il più grande dei parchi storici italiani e tuttora il più esteso dell’arco alpino è il Parco Nazionale dello Stelvio, nel cuore delle Alpi Centrali, con le sue vallate che discendono dal massiccio montuoso dell’Ortles-Cevedale. Il Parco Nazionale della Val Grande è invece l’area wilderness più grande d’Italia, dove la natura selvaggia è davvero la protagonista assoluta.

Per i fan della natura “liquida” imperdibile l’Arcipelago Toscano; per quelli della natura “infuocata”, il Parco Nazionale del Vesuvio, che nasce proprio dall’intento di salvaguardare il vulcano più famoso del mondo. E poi Aspromonte, Dolomiti, Gran Sasso, Asinara, Monti Sibillini, Pollino, Sila, Alta Murgia, Gennargentu, Macella, Val d’Agri e Lagonegrese, Cilento e Vallo di Diano, Foreste Casentinesi, Monte Falterona, Campigna, per un turismo en plein air lontani dalla routine metropolitana.

Parchi nazionali d’Italia