Lombardia: un territorio di tradizioni enogastronomiche

Un tour tra i sapori e le tradizioni culinarie di Valtellina, Franciacorta e Lago d'Iseo

La Lombardia offre un panorama a tutto tondo di luoghi da visitare e da vivere: dai boschi dalla Valtellina fino al Lago d’Iseo, passando per le colline della Franciacorta. Preparate i bagagli e partite alla scoperta di queste perle lombarde insieme a noi, tra enogastronomia e natura.

Valtellina d’estate: sapori ad alta quota
L’inverno nella neve, l’estate al fresco dei boschi; la Valtellina offre i suoi prodotti dai profumi intensi e dai sapori unici. Terra di boschi frondosi e acque termali, con i suoi alpeggi, arroccati sulla montagna, che regalano grandi formaggi e ottime carni e le sue terrazze su cui lavorano viticoltori eroici.

Caratterizzato da boschi d’abeti, picchi da scalare e pendii dove sciare, fonte di refrigerio nelle estati bollenti e terra di avventura negli inverni più rigidi, il territorio della Valtellina è stato considerato luogo di benessere fin dai tempi dei Romani, che qui trovarono anche l’amata acqua sulfurea per le Terme, che ancora oggi a Bormio sono una meta da non perdere.

Queste terre, oltre alle innumerevoli bellezze naturali, offrono sapori unici, che da sempre caratterizzano la tradizione enogastronomica lombarda: dai vini ai formaggi fino ai salumi.
La vite che produce uva Nebbiolo, qui detta Chiavennasca, è allevata tra le pendenze del terreno, su terrazze costruite con muretti a secco grazie ad una viticultura riconosciuta come eroica, per la forza con cui si sviluppa nonostante il terreno. Nascono così, ognuno in lotta con le asprezze del territorio, vini rossi di alta qualità come il Sassella, l’Inferno e lo Sfursàt o Sforzato.

Il formaggio più famoso della valle è il Bitto, prodotto in pochi alpeggi arroccati sulle montagne. Questo formaggio, riconosciuto in tutto il mondo tra le eccellenze gastronomiche della Lombardia, viene lavorato a caldo, con una particolare composizione: oltre al latte vaccino, c’è anche il latte della capra orobica, animale autoctono della val di Gerola. Tra i formaggi tipici, c’è anche il Casera, formaggio che prende il nome dalla cantina in cui vengono conservate le forme per la stagionatura: ideale per il condimento dei Pizzoccheri (consigliata una cena nel paese di Teglio, che ha dato loro i natali) e per farcire gli Sciatt, le tipiche frittelle di grano saraceno.
Altre specialità della zona sono la bresaola, salume di carne bovina a pezzo intero magro e saporito, e il raro violino di capra, un salume prodotto con la coscia e la spalla di capra, che deve il suo nome alla forma appunto “a violino”.

Lago d’Iseo e Franciacorta: un territorio da bere e gustare

La Franciacorta, terra tra la pianura e le Prealpi, è nota per la produzione del primo spumante italiano Metodo Classico ad aver avuto la classificazione DOCG, con l’uva delle viti di Pinot Nero, Pinot Bianco e Chardonnay, che qui trovano un clima ideale grazie alla posizione ventilata.
Questa zona collinare accoglie turisti alla ricerca del buon cibo e che amano scoprire nuovi luoghi tramite vie secondarie o piste ciclabili, incrociando trattori e contadini e godendo della semplice grazia dei vigneti perfettamente curati, ma non solo: monasteri come quello di San Pietro in Lamosa, piccoli borghi medievali come quello di Erbusco, o abbazie come l’incantevole olivetana di San Nicola a Rodengo Saiano esaltano il territorio celebrandone la storia.
Proprio tra le colline e i piccoli borghi, si snoda la Strada del Vino Franciacorta, uno dei percorsi enogastronomici lombardi più apprezzati da turisti e appassionati di vino.

I sapori del territorio si esprimono con eccellenze uniche: solo in Franciacorta si produce infatti il vino Satèn – un nome ispirato dal termine francese “satin”, il raso, perché morbido ed elegante – dalla spuma molto delicata, oltre a questo, nelle annate particolarmente favorevoli, vengono prodotti i Millesimati, bottiglie in cui tutto il vino è di un solo anno.

Ma non è solo il vino a caratterizzare la Franciacorta: qui la cucina tipica, che deve molto alle antiche ricette contadine, si basa soprattutto sul pesce di lago e sulle preparazioni tradizionali di carne, tra cui spicca il Manzo all’Olio di Rovato, una gustosa interpretazione del “cappello del prete” cotta a bassa temperatura per non meno di tre ore in olio e vino bianco insieme a cipolle, sedano e carote. Tra i migliori insaccati speciali della tradizione gastronomica lombarda, spiccano la Ret (anche detta Magiola) e il lardo aromatizzato al Curtefranca. Tra i formaggi, innumerevoli le DOP come il Silter, il Bagoss d’alpeggio, il Gorgonzola.

Il Lago d’Iseo offre buon pesce per tutti i gusti, a tavola le specialità sono: sardina essiccata, bottarga di agone, cavedano e lavarello.

Da non perdere: eventi enogastronomici in Lombardia

Vediamo una selezione di appuntamenti estivi da non perdere:

8 luglio, Serata dei dolci valtellinesi, Bormio (SO)
Degustazione dei dolci della tradizione: dalla bisciola alle torte, fino ai sorbetti, la ricotta ed il miele. In più musica, intrattenimento e prodotti tipici come gli amari e le grappe del luogo.

Fino al 9 luglio, Lake Street Food Festival, Varese e Lago Maggiore
Una rassegna dedicata al cibo di strada di qualità, caratterizzato da ingredienti tipici del territorio di appartenenza, preparato con strumenti artigianali.

3-14 agosto, Calici di Stelle, Lombardia
Nella settimana di San Lorenzo, nei centri storici e nelle piazze, tra corti d’insospettata bellezza e castelli, si potranno degustare i migliori vini delle cantine associate al Movimento Turismo del Vino abbinati ai prodotti tipici locali di qualità.

1 settembre, Ebrusco in tavola, Franciacorta
Presso Villa Cavalleri alla scoperta delle bellezze e dei sapori di Ebrusco.

1 settembre – 31 ottobre Cantine aperte in vendemmia, Lombardia
Numerose aziende, in fase di vendemmia, organizzano eventi speciali come spettacoli, concerti, mostre d’arte e molte altre iniziative, aprendo le porte delle proprie cantine.

3-10 settembre, Sagra dei Crotti, Valchiavenna, Valtellina
Un’occasione per visitare crotti privati normalmente chiusi al pubblico e partecipare agli “andèm a cròt”, percorsi enogastronomici con prodotti locali.

15-17 settembre, Eroico Rosso, Valtellina
Con l’Eroico Rosso Sforzato Wine Festival di Tirano si ha l’occasione di perdersi negli aromi e nei profumi inconfondibili dello Sforzato di Valtellina

16 e 17 settembre, Franciacorta in cantina, Franciacorta
Appuntamento per gli appassionati enologi, con degustazioni e approfondimenti enogastronomici e culturali.

 

Scopri tutti gli eventi enogastronomici in Lombardia su: sapore.in-lombardia.it/eventi

Lombardia: un territorio di tradizioni enogastronomiche