Guida di Stoccolma in giallo: itinerari sulla scena del crimine

Sono molti gli itinerari a Stoccolma (e nell’intera Svezia) per esplorare i luoghi resi famosi da grandi giallisti scandinavi come Larsson, Läckberg e Mankell.

In questi ultimi anni, il nord Europa è diventato la patria del romanzo giallo e non sono pochi gli autori scandinavi che possiamo trovare in libreria. La Svezia, naturalmente, non può mancare e la bellissima Stoccolma si è trasformata nello sfondo ideale per le avventure di protagonisti ormai leggendari come il duo formato dal giornalista Mikael Blomkvist e dalla hacker Lisbeth Salander.

Il Millennium tour sulle tracce della “ragazza che giocava con il fuoco”

In tutto il mondo, oltre 80 milioni di persone si sono appassionate alla trilogia del “Millennium” scritta da Stieg Larsson tanto che allo Stadsmuseet (il Museo Civico) di Stoccolma è in programma un vero e proprio tour per le strade della capitale svedese sulle tracce dei suoi protagonisti. Il viaggio inizia sull’isola di Södermalm, e più precisamente dall’indirizzo di Bellmansgatan 1, ovvero la casa in cui Mikael Blomkvist vive. Da qui si può godere di un’incredibile vista sul Riddarfjärden dove non sarà difficile vedere il Municipio di Stoccolma (Stockholms stadshus), l’edificio in mattoni rossi che ospita anche il banchetto dei premi Nobel, e la zona della Gamla Stan, la città vecchia con i suoi imperdibili monumenti.

Il tour prosegue verso l’ufficio della rivista Millennium al terzo piano di Götgatan 17° presso il quale Blomkvist lavora insieme a Erika Berger, mentre al numero 25 della stessa via c’è il piccolo supermercato dove Lisbeth Salander si ferma spesso per fare i suoi acquisti. Non lontano ci sono anche il Mellqvist Kaffebar, locale frequentato sia dal protagonista della trilogia sia dal suo autore, e il Kvarnen in Tjärhovsgatan 4, un pub storico di Stoccolma con oltre 100 anni di storia alle spalle e dall’incredibile bancone di legno. Il tutto senza dimenticare di dare un’occhiata anche in Fiskargatan 9, zona elegante dove è situato l’attico acquistato da Lisbeth e a pochi passi dalla Katarina kyrka, la bella chiesa protestante dalle inconfondibili pareti gialle.

I tour guidati si svolgono ogni sabato alle 11.30 – a cui si aggiunge un secondo appuntamento da luglio a settembre alle 18 – ma se preferite fare da soli esiste anche una mappa di Stoccolma con 20 luoghi significativi citati nei libri di Larsson e disponibile sia presso l’ufficio del turismo di Stoccolma sia presso il Museo Civico. Il nostro consiglio è quello di esplorare con calma il quartiere Södermalm, uno dei più alla moda della città, che vi conquisterà con negozi trendy e mille proposte culinarie.

A Stoccolma si svolgono anche le vicende di Martin Beck e della sua squadra, protagonisti di dieci romanzi scritti da Maj Sjöwall e Per Wahlöö, coppia di autori che per molti versi ha “inventato” il noir nordico come lo conosciamo oggi. Dalla città vecchia nella quale il detective vive, Beck si sposta ogni giorno per svolgere le sue immagini attraversando, ad esempio, l’elegante quartiere di Djursholm (da visitare per le sue belle ville e per il castello), fino a Södermalm, un tempo zona popolare decisamente meno modaiola rispetto ai romanzi di Larsson.

Con la sua serie di romanzi che ha come protagonista la reporter Annika Bengtzon, Liza Marklund si è fatta conoscere in tutto il mondo e ha portato, ancora una volta, Stoccolma alla ribalta internazionale. Dal porto cittadino nel quale inizia Fondazione Paradiso al Kronobergsparken, l’autrice sceglie di raccontarci la parte di Stoccolma nella quale vive e che, per questa ragione, conosce come le sue tasche. Sull’isola di Kungsholmen troverete numerosi punti di riferimento dei suoi libri come la stazione di polizia, il Municipio e persino la casa di Annika nella tranquilla Hantverkargatan.

Itinerari gialli nei dintorni

Lasciando Stoccolma e proseguendo verso la Svezia meridionale – non lontano da Malmö e dallo spettacolare ponte di Øresund che collega la città con la Danimarca – troviamo la cittadina di Ystad dove si svolgono le indagini di Kurt Wallander. Passeggiate tra le sue case in legno dai colori pastello o concedetevi una foto in spiaggia o sul lungomare, ma soprattutto esplorate i luoghi che lo scrittore Henning Mankell ha reso celebri in tutto il mondo anche grazie ai film che ne sono stati tratti.

Il tour sui luoghi del delitto organizzato dalla Cineteket – il Museo del cinema locale – vi porterà alla stazione di polizia, ma anche in Stortorget, la piazza centrale di Ystad, e alla stazione ferroviaria dove il cadavere della vittima de La falsa pista viene nascosto. Senza tralasciare Runnerströms torg in cui si svolge Muro di fuoco o i veri set della serie poliziesca… insomma un itinerario di un’ora, sulla strada che conduce dalla Danimarca a Stoccolma i viaggiatori diretti a Capo Nord in moto, che farà felice gli amanti del mondo di Wallander!

Sulla costa occidentale, a 140 km da Göteborg , si trova, invece, Fjällbacka, paesino tipico della Svezia – raggiungibile con un viaggio in auto da Stoccolma che vi permetterà di apprezzare i paesaggi della Scandinavia –, sfondo dei romanzi gialli di Camilla Läckberg. Non perdetevi le sue strade acciottolate che vi porteranno tra le tipiche case in legno del posto e, se amate i crostacei, anche una visita a uno dei ristoranti locali è assolutamente d’obbligo. Il paesino conta 1000 abitanti, ma scommettiamo che vi innamorerete della sua atmosfera capace di stregare anche la celebre attrice Ingrid Bergman, che proprio qui trascorreva spesso le sue vacanze? Inutile dire che l’ente turistico di Fjällbacka organizza tour guidati sulle tracce dei gialli scritti dalla Läckberg e che dispone anche di una brochure dedicata all’argomento (per info e prenotazioni potete scrivere a info@kustguiden.eu.).

Guida di Stoccolma in giallo: itinerari sulla scena del crimine