Alla scoperta delle grotte di Putignano

Putignano è un bellissimo borgo della Puglia, celebre per il suo Carnevale, ma ricco anche di tante altre attrazioni: scoprile tutte

Putignano è una delle mete turistiche più belle della Puglia, anche se forse è ancora poco valorizzata rispetto a tutto quello che può offrire. La città infatti è famosa in tutta Europa per il suo carnevale e per le sfilate di carri allegorici, ma nasconde anche bellezze naturalistiche in grado di lasciare senza fiato, come le famose grotte di Putignano.

Le meraviglie di questo piccolo borgo detengono anche numerosi primati, come vedremo più avanti nell’articolo. I periodo ideali per visitare Putignano sono due: quello primaverile e quello del carnevale. In primavera il clima è mite e vi permetterà di visitare la città e i suoi monumenti senza soffrire il caldo, mentre i giorni del carnevale vi mostreranno gli aspetti più tipici della città. In questo articolo vi mostreremo cosa vedere a Putignano.

Un percorso nel ventre della terra

Panorama di Putignano

@Shutterstock

La città di Putignano sorge su una collina della Murgia, l’altopiano pugliese di origine carsica, e non c’è da meravigliarsi se nelle vicinanze del centro cittadino si possano trovare numerose grotte ricche di fascino e di mistero. Fra le grotte di Putignano, la più visitata è senza dubbio quella localmente nota come grotta del Trullo, la prima in tutta la Puglia ad essere utilizzata per scopi turistici. Era il 29 maggio 1931 quando venne scoperta durante i lavori per la realizzazione dell’impianto fognario e subito si pensò di allestirla per accogliere il pubblico. La grotta infatti sembra quasi un luogo fatato, poiché scintilla anche senza le luci artificiali: merito dell’acqua che stilla e delle infiorescenze di calcite-aragonite.

Il percorso di visita della grotta di Putignano comincia presso un Trullo costruito appositamente come punto informazioni. Si prosegue poi scendendo per oltre 12 metri attraverso una stretta scala a chiocciola fino ad arrivare al percorso in piano sulle passerelle, studiate per farvi ammirare in tutta sicurezza le stalattiti e le stalagmiti che sbucano dalla roccia con forme sempre nuove e suggestive. Vi raccomandiamo di indossare scarpe comode durante la visita, e soprattutto qualcosa di pesante: nella grotta si scende fino a 20 metri sottoterra, e le temperature sono basse anche in estate!

Il magico carnevale di Putignano

Carnevale di Putignano

@Shutterstock

Come abbiamo detto all’inizio del nostro viaggio alla scoperta di Putignano, questo borgo pugliese è famoso soprattutto per il carnevale. Il carnevale di Putignano è il più antico d’Europa: nel 2020 infatti è giunto alla sua 626° edizione. Le sue origini sono molto antiche, e risalgono a quando il comune di Putignano veniva scelto come luogo in cui trasferire le reliquie. Solo in epoca fascista nacque la tradizione di far sfilare per la città i carri allegorici in parata. Ma il carnevale di Putignano ha anche un altro primato, quello della durata: comincia il 17 gennaio, con la festa di Sant’Antonio Abate, e termina poi con l’inizio del periodo di Quaresima.

Di particolare interesse sono i Giovedì di Carnevale: ogni giovedì si organizzando feste, sagre, degustazioni e balli in pazza a tema. Ogni settimana il tema riguarda un diverso strato sociale (preti, monache, vedove, pazzi…), in un misto di satira e tradizione che non può non sbalordire e incuriosire un turista che si trovi a visitare la città durante questo fortunato periodo. A Putignano il carnevale vero e proprio si celebra con quattro sfilate di carri allegorici, frutto del lavoro artistico della cosiddetta scuola putignanese. Protagonista indiscusso delle sfilate è Farinella, la maschera tipica pugliese che somiglia molto ad un joker.

Putignano: cosa vedere in città e nei dintorni

Dintorni di Putignano

@Shutterstock

Come tutti i borghi italiani, anche il centro storico di Putignano è ricco di edifici di incomparabile bellezza, come la Chiesa di San Pietro Apostolo, i cui interni sono stati realizzati con marmi e legni pregiati e che conserva un bellissimo organo del Settecento. Da vedere anche la chiesa di Santa Maria La Greca, il Museo Civico e il palazzo del Balì, che un tempo ospitava l’ordine dei cavalieri di Malta.

Se invece preferite una visita dedicata interamente alla natura e all’esplorazione, e se la grotta del Trullo vi ha emozionato con il suo percorso suggestivo tra stalattiti e stalagmiti, non potete non visitare anche le vicine grotte di Castellana, molto più grandi e articolate, un vero spettacolo per appassionati e non, o la grotta di Sant’Oronzio. Nei dintorni di Putignano sorgono anche importanti siti archeologici, come Turi, o Alberobello, la città dei trulli per antonomasia. Putignano non è proprio sul mare, ma a circa 20 km si trovano le bellissime spiagge di Polignano a mare e Monopoli, che potete visitare mentre fare tappa in questo bellissimo borgo della Puglia.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Alla scoperta delle grotte di Putignano