Itinerari d’autunno: andiamo alla scoperta di Budapest

Budapest è una città dai mille volti, da visitare accuratamente e prestando attenzione anche ai più piccoli dettagli. Ecco qualche idea per un buon itinerario

Gli itinerari di Budapest devono tenere conto di numerosi edifici classici situati nel cuore della capitale ungherese, ma non tralasciare le costruzioni più moderne e in contempo permettere ai turisti di scoprire la gastronomia locale.

Si tratta, quindi, di un compito molto arduo, nonostante le vie di Budapest siano molto grandi e ben collegate le une con le altre.

Lo stesso discorso vale anche per quanto riguarda il trasporto pubblico della capitale ungherese. I principali tram e autobus sono in grado di portare i turisti nei punti più lontani della grande città, permettendo di scorgere l’immensità e la grandezza stessa di un centro urbano senza tempo. In ogni caso, l’itinerario proposto per visitare Budapest in pochi giorni godendosi il caldo temperato dell’autunno, tiene conto anche delle particolarità dei mezzi di trasporto locali.

Il più delle visite turistiche di Budapest iniziano dal suo centro storico, dove sono situati gli alloggi. A detta di molti viaggiatori, è possibile trovare degli alloggi molto economici nel pieno cuore di Budapest. Molti degli itinerari per i ragazzi che, invece di essere interessati a scoprire i vari classici di Budapest vogliono fare un po’ di vita mondana, consigliano di prendere l’alloggio a Pest, per via del fatto che a Buda i mezzi di trasporto pubblico finiscono di lavorare prima. Un altro accorgimento a cui prestare attenzione è la moneta locale. Difatti in Ungheria non si utilizzano gli euro, ma i fiorini ungheresi. Il cambio è comunque molto favorevole agli italiani e i prezzi sono relativamente più bassi rispetto al loro equivalente italiano. La scoperta della città si consiglia d’iniziare dal centro.

Vi sono diversi itinerari pedonali previsti proprio i turisti stranieri che vogliono gettarsi alla scoperta di Budapest camminando. Si consiglia di prendere come riferimento una delle fermate della metro situate in pieno centro. Il motivo è semplice: utilizzandole come punto di riferimento, non si rischia di perdersi e si può sempre chiedere indicazioni ai passanti, che invece potrebbero non conoscere come si chiama il proprio alloggio. Nel centro viene consigliato di camminare per la Deàk Ferenc utca, la Vàci utca (in cui magari fermarsi anche a fare dello shopping), quindi imboccare il ponte di Elisabetta e raggiungere la statua di San Gerardo (Gellert, in ungherese). Immediatamente vicino sorge la Collina della Cittadella. Arrivarci non è così difficile come può sembrare a prima vista e sulla grande collina sorge l’immensa Statua della Liberazione.

Anche il panorama della Collina della Cittadella merita di essere visto, poiché offre una prospettiva di veduta davvero meravigliosa. Dalla collina si può facilmente scendere e recarsi nella parte centrale di Buda. Vi è contenuto il Padiglione del Giardino Reale, un’immensa struttura visitata ogni anno da migliaia di curiosi provenienti da tutto il mondo. E in effetti il grande padiglione merita completamente tutta la sua fama. Vicino, poi, si trova il castello di Buda. Da tempo ormai è uno dei simboli più grandi di Budapest e non manca di apparire in molte delle skyline della città. Per arrivarci bisogna percorrere una salita che potrebbe sembrare ardua, ma alla fin dei conti nel vale sicuramente la pena. Dopo il castello, l’itinerario proposto arriva alla Piazza di Santo Giorgio (Szent Gyorgy).

Essa ospita i più importanti monumenti di Budapest, la maggior parte dei quali risale al periodo del Medioevo. Inoltre, dalla fantastica piazza è possibile osservare il corso del fiume Danubio e vedere entrambe le parti della grande città: Buda e Pest. Oltre al Castello di Buda, dalla piazza si possono osservare anche la fontana di Mattia, la famosa porta dei leoni, la statua del Turul e il grande edificio del Museo Storico di Budapest. Infine, proseguendo sulla piazza si può vedere anche il Palazzo Sandor, la storica dimora del Presidente della Repubblica Ungherese. Percorrendo la Tarnok Utca, una delle più grandi vie di Budapest, si giunge presto presso il centro storico di Buda, dove vedere il bastione dei Pescatori e la Chiesa di San Mattia. Quest’ultima è davvero molto divertente da vedere: grande e imponente, essa riesce a catturare l’attenzione con i suoi colori.

Vicino al percorso è situato uno dei Ruin Pubs di Budapest, il Szimpla. Il secondo giorno si consiglia d’iniziare la conoscenza dell’immensa città partendo dal Teatro dell’Opera, il centro del Broadway ungherese. Vicino è situata la Piazza Roosvelt e l’Accademia Ungherese delle Scienze, un enorme edificio artistico risalente al 18° secolo. Sempre nella zona si trova il famoso Ponte delle Catene, da qualche anno ormai diventato un vero e proprio emblema della grande città. In realtà, a Budapest vi sarebbe anche molto altro da vedere, ma per riuscirci bisognerebbe costruire molti altri itinerari e includere svariati luoghi di alto interesse turistico. Per vedere la lista completa dei monumenti di Budapest, si consiglia di visitare vari siti dedicati alla capitale dell’Ungheria sul web.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Itinerari d’autunno: andiamo alla scoperta di Budapest