La Basilicata come il Costa Rica: è la regione più adrenalinica d’Italia

Ponti tibetani, canopy tour, vegetazione lussureggiate. Non siamo nel selvaggio Costa Rica, ma nella nostra Basilicata

Ponti tibetani, canopy tour, vegetazione lussureggiate. Non siamo nel selvaggio Costa Rica, ma nella nostra Basilicata.

È questa la regione più adrenalinica d’Italia, dove chi ama le vacanze avventura troverà il proprio paradiso. A due passi da casa.

Chi ama camminare nel vuoto, con un baratro di 120 metri sotto i piedi, non potrà fare a meno di percorrere il Ponte alla Luna di Sasso di Castalda, in provincia di Potenza. Inaugurato nel 2017, nel cuore verde dell’Appennino Lucano, sono 300 metri di pura emozione e tanti brividi. Prima di avventurarsi sul ponte traballante c’è pure uno skywalk di cristallo da brividi come quello che s’affaccia sul Gran Canyon.

ponte-luna-basilicata

@Ponte alla Luna

Dedicato a chi non soffre di vertigini c’è poi il Volo dell’Angelo, una scivolata da 400 metri d’altezza tra le Dolomiti Lucane, attaccati con un gancio a un cavo d’acciaio. Il volo dura un minuto ma si viaggia alla velocità di 120 chilometri orari. Sotto, i pittoreschi borghi di Castelmezzano e Pietrapertosa.

E poi c’è il Volo dell’Aquila, che si fa a San Costantino Albanese (PZ), nel Parco Nazionale del Pollino, a bordo di un veicolo a quattro posti. Il cavo dell’impianto – lungo 984 metri, il più lungo al mondo fra i 14 Flyer installati in diversi Paesi – trasporta l’Aquila fino alla vetta della stazione a monte a 850 metri da dove comincia l’inesorabile caduta verso valle a 80 km orari.

volo-angelo-basilicata

@Volo dell’Angelo

La Basilicata è una vera palestra a cielo aperto. Negli spazi verdi e incontaminati della regione si possono praticare tantissime attività complesse, sfruttando i corsi d’acqua circondati da una natura lussureggiante. Si fa rafting lungo il fiume Lao tra rapide, curve e salti. Si fa torrentismo e canyoning nelle Gole del Raganello, proprio nel cuore del Pollino, tra cascate e pareti rocciose che si sfiorano con le dita.

torrentismo-basilicata

Non mancano le Vie Ferrate sulle Dolomiti Lucane, percorsi che permettono di raggiungere punti altrimenti inaccessibili e di scoprire la grande bellezza della natura di questa regione. La Via Ferrata Salemm si trova sul versante di Castelmezzano e ha un dislivello di 249 metri, mentre la Ferrata Marcirosa sul versante di Pietrapertosa ha un dislivello di 331 metri.

E poi ci sono le arrampicate, su coste rocciose dislocate per lo più nella provincia di Potenza, lungo tutto l’Appennino Lucano da Nord a Sud della Basilicata. Climbing, equitazione, mountain bike, orienteering, parapendio, kayak e trekking sono solo alcune delle attività sportive che si possono praticare all’aria aperta in Basilicata in un contesto davvero spettacolare e ancora molto selvaggio.

La Basilicata come il Costa Rica: è la regione più adrenalinica&nbsp...