Il temporale delle 18 è già un tormentone

In migliaia aspettano il consueto e puntuale nubifragio sui social

Come è accaduto nel 2017, anche quest’anno il meteo gioca brutti scherzi. Accade che ogni giorno a Milano e dintorni, verso le ore 18, si scatena l’inferno.

Pioggia abbondante sotto forma di nubifragio, grandine, vento: una sorta di monsone che dura qualche decina di minuti e poi torna a splendere il sole.

Lo scorso anno era nato un gruppo Facebook chiamato “Pioggia delle 18 a Milano” con centinaia di iscritti. E quest’anno è già partito il tormentone.

Il nubifragio delle 18 a Milano, che per giorni si è manifestato con implacabile puntualità anche nelle giornate dove fino a pochi minuti prima splendeva il sole, ormai scandisce le giornate dei milanesi, che si ritrovano fradici e inzuppati fino all’osso. Proprio quando, usciti dal lavoro, devono andare a prendere i figli o presentarsi al sospirato aperitivo.

Abbiamo chiesto informaqzioni a un esperto, il colonnello Mario Giuliacci, che ci ha spiegato perché avvengono questi fenomeni improvvisi.

“Se il temporale nel tardo pomeriggio avviene nelle aree alpine”, ha raccontato “l’aria fredda che scende dal temporale si incanala nella valle alpina e poi sfocia in Val Padana dando luogo ad altri temporali anche in pianura.

Ma c’è anche una seconda spiegazione, ha proseguito “quando l’aria atlantica con direttrice proveniente da Nord si addossa alle Alpi, attraversa tutte le valli alpine e, dopo due o tre, ore, sfocia in Val Padana dando luogo ad altri temporali, anche in aperta pianura”.

Il temporale delle 18 è già un tormentone