Torna a splendere una bellezza italiana: il Castello di Lardirago

Dopo un restauro durato ben 30 anni torna a splendere una bellezza tutta italiana: il Castello di Lardirago. Tutte le novità e da quando si potrà visitare

Dopo ben 30 anni torna a splendere un tesoro italiano situato tra Milano e Pavia: il Castello di Lardirago. Grazie a un lungo restauro, la struttura è stata completamente trasformata in un centro culturale innovativo, con una biblioteca, una mostra permanente e un centro studi e ricerche. Il tutto con l’aiuto dei lavori sostenuti dalla Fondazione Cariplo.

La storia del Castello di Lardirago

Questo spettacolare maniero, appartenente da oltre 450 anni alla Fondazione Ghislieri, risale alla prima metà del XIV secolo e al suo interno vi sono numerose stanze affrescate con decorazioni sorte nei secoli in cui era frequentato dagli agenti del monastero di San Pietro in Ciel d’Oro e poi dagli abati commendatari, che ne fecero una residenza raffinata da cui esercitare il controllo delle proprietà agricole circostanti.

Si presenta come un complesso edilizio a pianta quadrata la cui omogeneità delle forme è interrotta dalla presenza di una torre che si erge oltre il livello di copertura. Bellissima anche la Cappella romanica di San Gervasio, cuore del complesso e risalente già all’XI secolo.

L’interno del Castello di Lardirago

Tra le stanze, che grazie al lavoro iniziato negli anni ’90 ospiteranno meeting e ricevimenti, spicca il salone dei Liocorni, ornato sotto il soffitto da un lungo fregio in cui unicorni, leoni, putti alati si alternano con allusioni simboliche. La cappella romanica di San Gervasio si trova al piano terra della torre.

Essendo il Castello di Lardirago una struttura piena di storia che non poteva essere dimenticata, l’obiettivo dell’opera di recupero è stato quello di valorizzarlo, rinnovandolo e destinandolo ad attività che risaltano i punti di forza logistici, estetici e culturali del Castello stesso.

La nuova biblioteca possiede anche una sezione dedicata ai temi di ricerca del Centro studi sul territorio e vanta una ricca raccolta di testi sull’agricoltura e sul paesaggio lombardo, sulla sua storia e sulla sua evoluzione. Il Castello è stato inaugurato lunedì 27 settembre, ma sarà aperto al pubblico a breve: quasi sicuramente entro il primo trimestre del 2022.

Il Castello di Lardirago è quindi un nuovissimo centro aggregatore per eventi, convegni, biblioteche, mostre. Non è perciò un caso che ci sia anche un originale percorso espositivo per comprendere l’evoluzione che ha investito l’agricoltura e, conseguentemente, l’alimentazione tra il XVI e il XIX secolo.

Non resta che aspettare l’apertura al pubblico di questo maniero e correre ad ammirare la sua rinnovata maestosità e il suo inestimabile valore.

castello Lardirago restauro

La maestosità del Castello di Lardirago

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Torna a splendere una bellezza italiana: il Castello di Lardirago