Torino: quattro mani giganti si intrecciano tra i fili d’erba. È magia

Il progetto Beyond Walls, che porta la firma dell'artista franco-svizzero Saype, è arrivato in Italia. Ed è spettacolare

Quattro grandi e gigantesche mani si intrecciano tra i fili d’erba a Torino: Saype è arrivato in Italia con il progetto Beyond Walls e come sempre, ha lasciato un segno.

L’artista franco-svizzero, conosciuto soprattutto per le sue opere di land art, ha da poco intrapreso un nuovo viaggio nel mondo sotto il nome di Beyond Walls, iniziativa lanciata nel 2019 proprio sotto la la Tour Eiffel e che continuerà fino al 2024 con l’obiettivo di coinvolgere altre decine di città in tutto il mondo.

Dopo il muro di Berlino e il memoriale di Ouagadougou in Burkina Faso, l’artista che dipinge sull’erba, ha portato il suo messaggio di tolleranza e inclusione all’interno del Parco archeologico della Porta Palatina di Torino.

Land Art Torino Saype

Beyond Walls, l’opera di Saype a Torino – Fonte Getty Images

Il grande affresco sull’erba è espressione di un concetto di sostenibilità completo, dove l’attenzione nei confronti dell’umanità e il concetto di solidarietà e inclusione vanno di pari passo con il rispetto dell’ambiente, grazie alla tecnica artistica adottata e inventata da Saype, che prevede l’utilizzo di pigmenti biodegradabili.

La grande opera di Beyond Walls è stata realizzata all’ingresso del gate che dal parco porta al centro della città. Nulla è stato lasciato al caso: quella zona, infatti, che delimita lo spazio cittadino con la periferia, è stata scelta proprio come simbolo della volontà di oltrepassare muri, limiti e confini, mentali e fisici per un’alleanza che coinvolge l’umanità intera.

La Porta Palatina, invece, isolata dopo le demolizioni dello scorso secolo torna a ricoprire il suo ruolo originale, quello di un confine che non tende a separare, ma a unire.

Beyond Walls

Beyond Walls, l’opera di Saype a Torino – Fonte Getty Images

Un progetto incredibile che mette in scena, proprio a Torino, la più grande catena umana dipinta nella storia. L’opera, magnifica ed effimera, è destinata a scomparire entro un paio di mesi, proprio per i materiali utilizzati per produrre il capolavoro. Quello che è certo è che non sparirà mai dalla nostra mente perché il messaggio lasciato da Saype è eterno.

Il progetto Beyond Walls di Saype è stato interamente finanziato dall’azienda Lavazza, in collaborazione con la città e i Musei Reali che, per l’occasione, ospitano la prima mostra personale, in Italia, dell’artista che dipinge sull’erba.

Beyond Walls

Beyond Walls, l’opera di Saype a Torino – Fonte Getty Images

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963