Rio de Janeiro è la prima capitale mondiale dell’architettura

La città brasiliana è stata nominata capitale mondiale dell'architettura per il 2020, prima ad ottenere questo riconoscimento

Dopo aver ospitato i Mondiali del 2014 e le Olimpiadi del 2016, Rio De Jainero torna sotto i riflettori. La città brasiliana è stata nominata capitale mondiale dell’architettura Unesco per il 2020.

È la prima volta che viene assegnato questo riconoscimento, che arriva con il beneplacito dell’International Union of Architects e punta a preservare il patrimonio architettonico presente. Rio De Janeiro ha battuto candidate illustri come Parigi e Melbourne.

In occasione dei festeggiamenti verrà creato un forum che vedrà al centro delle discussioni la cultura, l’architettura, la sostenibilità e lo sviluppo urbano a misura d’uomo e architettura. Come capitale, Rio de Janeiro ospiterà anche il Congresso Mondiale dell’UIA, appuntamento che si svolge regolarmente ogni 3 anni. «Attraverso la gamma e la qualità delle sue attività, la capitale mondiale dell’architettura Rio de Janeiro dimostrerà il ruolo cruciale dell’architettura e della cultura nello sviluppo urbano sostenibile», ha affermato l’assistente direttore generale per la cultura dell’UNESCO, Ernesto Ottone R.

Rio de Janeiro ospiterà anche una serie di eventi racchiusi sotto il nome di “Tutti i mondi. Solo un mondo”. La città promuoverà anche l’undicesimo obiettivo dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile: rendere le città e gli insediamenti umani inclusivi, sicuri, resilienti e sostenibili. Ciò avverrà attraverso attività e progetti che riuniscono architetti, urbanisti, politici, artisti e scrittori nel tentativo di creare un dialogo e dare vita all’innovazione.

Una vasta zona di Rio de Janeiro è già stata onorata dall’Unesco. I paesaggi straordinari situati tra le montagne e il mare sono stati iscritti nella Lista del Patrimonio Mondiale. L’area scelta comprende le montagne del Parco Nazionale di Tijuca, i Giardini Botanici, il Monte Corcovado e la statua del Cristo Redentore. Poi si scende lungo la baia di Copacabana, scelta come testimonianza viva della fusione tra natura e cultura. Proprio il lungomare di Copacabana è stata una specie di palestra per un maestro dell’architettura modernista come Oscar Niemeyer.

Tra gli anni 50 e 60, l’artista ha pensato e progettato la Rio contemporanea. Tra le sue opere anche il sambodromo e il museo di arte contemporanea di Niterói. Partendo dall’Edificio Ypiranga dove Niemeyer aveva il suo ufficio, tutta la città è ricca di opere del maestro: musei, giardini, ospedali e condomini. Una personalità libera e anticonformista che ha dato linfa vitale a Rio De Janeiro.

Il sindaco di Rio de Janeiro, Marcelo Crivella, ha dichiarato ufficialmente in una nota che si impegnerà a trasformare il 2020 in una pietra miliare nella storia culturale della città che vedrà l’attivazione di relazioni fruttuose tra gli abitanti e il patrimonio storico e architettonico.

I luoghi da visitare dopo la fine di un amore: Rio De Janeiro, Brasile

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Rio de Janeiro è la prima capitale mondiale dell’architettura