Liguria, il relitto diventa un’oasi sottomarina

I resti di un bombardiere della Seconda Guerra Mondiale sono popolati da moltissime specie di pesci. Un paradiso per i sub

Nel mare della Liguria c’è un relitto che gli appassionati di immersioni non possono farsi scappare. Il bombardiere italiano Fiat Br20 Cicogna, risalente alla Seconda Guerra Mondiale, è adagiato da circa 80 anni nei fondali del Mar Ligure. Nasconde una storia affascinante ed è probabilmente l’unico aereo di questo tipo ancora esistente al mondo. Un’occasione imperdibile per esplorare il suo “scheletro”, diventato casa di moltissime specie di alghe e pesci.

Il Br20 si trova nelle acque al largo di Santo Stefano al Mare, paese sulla riviera di Ponente tra Imperia e Sanremo, a circa un miglio e mezzo dalla costa. È stato affondato il 13 giugno del 1943, quando decollò insieme agli aerei del 13esimo Stormo dalla base aerea di Cascina Vaga, nel Pavese, con l’obbiettivo di attaccare la base navale di Tolone e i campi di aviazione francesi.

Secondo le testimonianze dell’epoca il velivolo MM 21503 arrivò sull’obiettivo in ritardo a causa delle difficili condizioni meteo e venne bombardato mentre sorvolava Sanremo. Per molti anni nessuno si era avventurato alla sua ricerca, e il primo a localizzarlo, a 47 metri di profondità, fu il sub Rudy Crespi, nel 1993.

Si tratta di un’immersione tecnica adatta solo ai sub più esperti, ma anche per coloro in possesso del Brevetto Base la scoperta del Br20 può rivelarsi un’esperienza indimenticabile. Il relitto si rivela ancora in ottimo stato ed è visibile interamente anche da 20 metri di profondità.

Al suo interno si trova una grandissima varietà di specie e tra i suoi resti si è creata una vera e propria oasi marina che ospita moltissimi pesci. Tra gli avvistamenti più frequenti sono segnalati gronghi, murene, gattucci, cernie, scorfani, rane pescatrici, aragoste, astici, granseole e anche il raro pesce luna. Notevole anche lo spettacolo della flora sottomarina. Tra le pale delle eliche e le mitragliette di questo gigante dell’aria inabissatosi in mare potrete osservare alghe, spugne e spirografi.

Liguria, il relitto diventa un’oasi sottomarina