L’Eroica 2019: a Gaiole in Chianti si pedala tra bici d’epoca e ciclismo vintage

Appuntamento il 6 ottobre per la storica gara dedicata al ciclismo vintage, attraverso quel Chianti che è tra i paesaggi più belli d'Italia

Piccolo comune della provincia di Siena, in Toscana, Gaiole in Chianti è splendidamente incastonato tra le colline del Chianti. Ed è celebre, oltre che per la sua tradizione vitivinicola, anche per un evento unico in Italia: è L’Eroica, una gara ciclistica che rimanda ai tempi antichi.

Ogni prima domenica d’ottobre (nel 2019 l’appuntamento è per domenica 6), L’Eroica è un appuntamento imperdibile per gli appassionati del ciclismo di ieri, quello che si correva su strade sterrate e che – oggi – viene riportato in scena dagli amatori, a bordo delle loro biciclette vintage. Perché è molto più che una gara ciclistica, L’Eroica: qui a contare è anche l’estetica, con le bici che per essere ammesse devono essere antecedenti il 1987 e i ciclisti che pedalano in maglietta attillata e con indosso cappellini vintage.

L'Eroica

Fonte: Ufficio stampa

Per l’occasione, si tirano fuori da cantine e soffitte biciclette di inizio Novecento. Magari, ricordi dei nonni e dei bisnonni. E ci si mette in sella scegliendo il percorso a ciascuno più consono: il più semplice è il Piccolo Chianti, lungo 46 chilometri. Ci sono poi il Percorso Corto da 81 chilometri con dislivello di 1500 metri, il Percorso Cento da 106 chilometri e il Percorso Medio – Crete da 135. Infine, il più “strong” (che peraltro è permanente): 209 chilometri tra la Val d’Arbia e Montalcino, attraverso Castiglio del Bosco, Asciano, Castelnuovo Berardenga e Radda (eventualmente, con tappe consigliate e ristori).

La storia de L’Eroica è cominciata nel 1997. E se allora gli iscritti furono 92, oggi gli organizzatori hanno dovuto introdurre un numero chiuso: massimo 7000 partecipanti – gli “eroici”, per l’appunto – che si cimentano in una competizione che, più che l’agonismo, esalta la bellezza della fatica e il gusto dell’impresa.

L'Eroica

Fonte: Ufficio stampa

E mentre i ciclisti pedalano (arrivando qui un po’ da tutto il mondo, dalla Germania in primis ma anche dall’Inghilterra, dalla Svizzera, dagli Stati Uniti, dalla Francia e dalla Polonia), chi non sale in sella ad una bicicletta può godersi tutta la magia di una Gaiole in Chianti addobbata a festa, con le bancarelle e gli spettacoli di musica e di teatro, e con i banchetti che vendono vecchi cimeli del ciclismo.

La partenza è fissata per domenica 6 ottobre alle 4.30 per i percorsi da 209 e 135 chilometri con biciclette antecedenti gli Anni ‘30 (le biciclette più recenti partiranno invece tra le 5.00 e le 7.30). Tra le 7.00 e le 7.30 si terrà la partenza per il percorso da 106 chilometri, tra le 8.00 e le 9.30 quella per i percorsi da 81 e da 46 chilometri.

Gaiole in Chianti

Ph. Bumblee_Dee (iStock)

L’Eroica 2019: a Gaiole in Chianti si pedala tra bici d’ep...