Borghi più belli d’Italia, il Trentino aumenta il bottino

Due new entry per il Trentino Alto Adige nel circuito dei Borghi Più Belli d'Italia: Luserna e Pieve Tesino si aggiungono ai sei stupendi borghi già presenti

Il fascino del Trentino cresce ancora: sono due, infatti, i nuovi borghi che entrano a far parte del prestigioso circuito dei “Borghi Più Belli d’Italia” e che vanno ad aggiungersi a Vigo di Fassa, Canale di Tenno, Rango, Mezzano, Bondone, e San Lorenzo-Dorsino, i sei borghi storici già presenti in lista, scrigni di bellezza e tradizione.

Le new entry, Luserna e Pieve Tesino, si aggiudicano l’ambito titolo grazie alla loro inconfondibile storia, l’architettura tipica e il ricco patrimonio di sapori. Conosciamoli meglio.

Luserna, isola della lingua cimbra

A sud est di Trento, Luserna è un raccolto paese di montagna a 1333 metri di altezza, ultimo baluardo della lingua cimbra, antico bavarese, che ancora oggi è parlato correttamente da quasi tutti gli abitanti.

Terra di confine, è un villaggio dal fascino avvolgente, incastonato in uno scenario di assoluto pregio, in un vasto alpeggio tra Folgaria, Lavarone e il Passo Vezzena, dove si susseguono terrazzamenti naturali, strapiombi e valli profonde.

L’offerta turistica è variegata e sa adattarsi a tutte le stagioni: in estate è tempo di trekking, percorsi in mountain bike e di percorrere la ciclopedonale ammirando i verdi pascoli mentre l’inverno è perfetto per divertirsi con gli sci ai piedi nella Skiarea Lavarone e nel Centro fondo di Millegrobbe.

Ma non è tutto. Luserna ha saputo rimanere legata alle tradizioni e salvaguardare l’immenso patrimonio della cultura cimbra grazie al Centro Documentazione Lusérn, sede museale che propone sale dedicate alla storia, alla Grande Guerra, alla fauna del territorio e ai forni fusori risalenti all’Età del Bronzo.

Emblematica del rapporto con il passato cimbro è anche la Casa Museo Haus von Prükk, nata dal restauro di un antico maso contadino dell’Ottocento.

Pieve Tesino, terra natale di Alcide de Gasperi

Il noto statista nacque proprio qui, tra i boschi, i prati fioriti e le torbiere di questo piccolo paese della provincia di Trento che oggi lo omaggia con la Casa Museo De Gasperi.

Il paesaggio è un incanto, tra colline moreniche e il Bosco di Santa Maria, e Pieve custodisce le tracce del suo antico passato nei portali e negli edifici, alcuni dei quali risalgono al Quattrocento.
Inoltre, il “Museo Per Via” ricorda l’epopea dei venditori ambulanti girovaghi che partirono da qui con le loro stampe artistiche e fondarono negozi e diventarono editori a livello internazionale.

Per chi ama la natura, imperdibile è L’Arboreto del Tesino, dove spiccano piante provenienti da ogni angolo del mondo, prati e boschi, e il Giardino d’Europa che, con la sua forma a Parlamento, celebra l’idea di Europa di De Gasperi.

Malga Telvagola trentino

Malga Telvagola, nel territorio del comune di Pieve Tesino

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Borghi più belli d’Italia, il Trentino aumenta il bottino