Boom di prenotazioni aeree per la Grecia quest’estate

Altro che turismo di prossimità. Molti italiani non rinunciano alle vacanze nella tanto amata Grecia

Da qualche giorno alcune compagnie aeree hanno aperto le prenotazioni per l’estate. Sia Ryanair sia easyJet sono state prese d’assalto e i primi voli per la Grecia hanno registrato il tutto esaurito.

Ebbene sì, altro che turismo di prossimità. Non appena il governo greco ha annunciato che accoglierà tutti i turisti stranieri con vaccino o con tampone negativo, il “greciometro” è schizzato alle stelle. Quando poi sono stati comunicati gli operativi per l’estate 2021 i siti delle compagnie low cost sono and in tilt. Con voli a partire da 12,99 euro vuoi lasciarteli scappare?

Tra l’altro, proprio poche ore fa Ryanair ha annunciato che a breve sarà disponibile sulla sua app una funzione chiamata “Covid-19 Travel Wallet” sulla quale caricare tutti i documenti che saranno richiesti per volare, dal certificato vaccinale a quello che documenta un tampone negativo.

Perché la Grecia fa sempre questo effetto, specie agli italiani? Cos’ha questo Paese di così speciale che molti dei nostri connazionali non possono fare a meno di andarci, snobbando tante delle nostre località turistiche, delle nostre isole e il nostro Belpaese? Sarà la “Greece therapy” o “grecitudine”, che forse un giorno sarà addirittura considerata una scienza, al pari della fisica, della chimica e della biologia.

Del resto, uno studio ha dimostrato che tre settimane di vacanza in Grecia, fanno vivere più a lungo. Se la prima settimana di vacanza ci si porta dietro tutto lo stress e la frenesia della città e non si sopporta la calma e la rilassatezza dei greci – che da loro viene chiamata “sigà-sigà” (che significa “piano piano”) o anche “mancanza di fretta”-, con lo scorrere delle settimane la vacanza si evolve e si modifica in senso psicologico, compiendo un vero e proprio miracolo.

Già dalla seconda settimana i ritmi si rilassano e la terza si sono già fatte amicizie locali. Qualcuno invita il villeggiante persino a casa propria a pranzo con la famiglia. Ecco allora che, dalle abitudini e orari cittadini, si arriva ben presto a concepire la giornata secondo la “Greek Time”, senza fretta e senza stress.

E comunque, in un anno di pandemia, la Grecia è stata un esempio per molti Paesi – anche per l’Italia, diciamo la verità – per come ha affrontato la riapertura dei propri confini ai turisti provenienti da tutto il mondo. Già la scorsa estate il sistema di tamponi e di isolamento per 24 ore in attesa dell’esito presso una struttura gestita dal ministero della Salute ha funzionato benissimo. Quest’anno l’organizzazione sarà ancora meglio gestita.

Chi tra gli italiani ha trascorso le vacanze in Grecia la scorsa estate non ha fatto che parlarne bene. Il sistema ha funzionato benissimo, le località di villeggiatura, isole, spiagge, persino quelle di Mykonos e Santorini, erano poco affollate, facendo apprezzare ancor più l’autenticità delle Cicladi e di molte altre località greche.

Il ministro del Turismo greco, Haris Theocharis, ha tenuto una teleconferenza con il nostro neoministro del Turismo, Massimo Garavaglia e lo ha invitato a studiare il “sistema Grecia” durante la Riunione del Comitato Regionale per l’Europa dell’Organizzazione Mondiale del Turismo che si terrà a giugno ad Atene. Nel frattempo, Garavaglia ha sottolineato l’importanza di ripristinare i voli per un ritorno graduale alla normalità e ha elogiato la collaborazione del ministero del Turismo greco con l’Ambasciata Italiana nel nostro Paese.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Boom di prenotazioni aeree per la Grecia quest’estate