Lavoratori in smart working? Il primo ministro di Barbados vi invita a trasferirvi

Unire l'utile al dillettevole, come? Lavorando al computer sotto l'ombrellone

È di pochi giorni fa la notizia del progetto lanciato dal Primo ministro dell’isola caraibica, e ha fatto già strabuzzare gli occhi a tutti coloro che hanno sempre sognato una casa vista mare, o di condurre una vita da vero nomade digitale. Un sogno, questo, che diventa realtà grazie all’iniziativa lanciata da Mia Amor Mottley che invita tutti gli smartworker a trasferirsi a Barbados.

Tutto è iniziato con la diffusione del Coronavirus: a causa dell’epidemia mondiale, infatti, l’isola dei Caraibi ha subìto un duro contraccolpo all’economia locale, mossa soprattutto dal turismo. Il settore a Barbados rappresenta, a oggi, il 40% del Pil del Paese e il 30% della forza lavoro del territorio è proprio impiegata nell’industria turistica.

Così, la premier Mia Amor Mottley ha pensato a una risposta altrettanto dura al Coronavirus, in concomitanza con la fine del lockdown, invitando gli smartworker di tutto il mondo a trasferirsi a Barbados per un anno.

In base a questa proposta scandalosamente da sogno, i turisti avrebbero la possibilità,  partitr dal 12 luglio, data in cui i confini riaprono ufficialmente, di raggiungere l’isola caraibica e di soggiornare qui per un anno, lavorando dalla spiaggia con il proprio computer. L’idea, nata dalla premier con la volontà di risollevare il Paese, ha già entusiasmato tantissimi lavoratori.

La premier Mottley quindi è disposta a concedere un visto speciale e rinnovabile a chiunque lavori da remoto; a queste persone infatti sarà applicato un timbro di benvenuto che consentirà la permanenza nel Paese in un periodo ben più lungo del solito, fissato per un anno, tempo che consentirà ai visitatori di immergersi nella cultura dell’isola durante le pause dal lavoro.

La modalità dello smartworking è qualcosa a cui sempre più lavoratori si stanno abituando. Sono molte le persone che hanno scoperto il piacere di lavorare da casa o comunque da un’altra postazione mobile diversa da quella dell’ufficio proprio a causa del Coronavirus. Non stupisce che la premier di Barbados abbia scelto di sfruttare questa modalità di lavoro flessibile per risollevare il Paese, consentendo quindi a chiunque una postazione vista mare, sotto i sole dei Caraibi.

Tra l’altro, si può scegliere un panorama classico, tipo cartolina, con sabbia bianca tendente al rosa, palme e mare cristallino da una parte, mentre sull’altra costa di Barbados il paesaggio cambia completamente, con rocce e faraglioni e un mare “agitato” che non è mai lo stesso

I professionisti che lavorano da remoto quindi potranno vivere nel paradiso delle Antille per dodici mesi, scegliere se restare in pianta stabile oppure uscire e rientrare dal Paese più volte.

Barbados Pasqua 2019

La spiaggia di Bottom Bay, a Barbados

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Lavoratori in smart working? Il primo ministro di Barbados vi invita a...