Ginosa si trasforma nel set di “The last planet”, il nuovo film su Gesù

È ancora una volta la Puglia ad attirare la produzione di un importante film internazionale

Terrence Malick ha scelto la Puglia come location per girare le prossime scene del suo ultimo lavoro, The last planet. Perciò, proprio in questi giorni c’è grande fermento per le vie di Ginosa, la cittadina che accoglierà il cast internazionale del film – dove spicca il nome del premio Oscar Mark Rylance, che vestirà i panni di Satana.

A quanto pare, il suggestivo panorama offerto dalla gravina di Ginosa ha rapito il regista e lo ha convinto a spostare qui il set cinematografico, dopo un lungo tour per l’Italia. E ancora una volta la Puglia si riconferma come location perfetta per film dal sapore internazionale.

Come riportano i media locali, il paese è già pronto all’arrivo della produzione. Giovedì 10 ottobre, per consentire la preparazione del set, via Belledonne sarà chiusa al traffico. È questa una delle vie principali del centro storico, dalla quale si dipana una stradina che permette l’accesso alla gravina di Rivolta, dove verranno girate le scene del film.

Qui il tempo sembra essersi fermato: il paesaggio offre scorci incredibili, dove la natura la fa da padrone. Il lungo canyon che si estende per circa 10 km, nato dall’erosione di millenni di acque meteoriche che vi sono scorse, è punteggiato qua e là da case-grotta, abitate fin ai tempi del Medioevo, e da chiese rupestri scavate nella roccia.

Ginosa

Ginosa – Ph. EnolaBrain (iStock)

Non è difficile capire perché questo spettacolo naturale abbia conquistato Terrence Malick, tanto da convincerlo già dopo una sola occhiata a portare qui la sua troupe per girare alcuni ciak di The last planet. Il film torna a parlare di spiritualità, dopo i grandi successi di The tree of life, che ha vinto la Palma d’Oro a Cannes nel 2011, e il recente La vita nascosta – Hidden life, presentato al Festival di Cannes nel 2019.

Per le riprese di The last planet, Terrence Malick ha optato per varie location italiane. I primi ciak sono stati girati ad Anzio, presso la riserva naturale di Tor Caldara. Poi la produzione si è spostata in Islanda, per fare ritorno subito dopo nel nostro Paese. Nelle ultime settimane, il film ha toccato alcune delle più belle località del sud Italia, come Matera e Gravina di Puglia. Ora è tutto pronto per il suo arrivo a Ginosa, dove lo stesso Malick – al contrario di quanto accaduto in altre location – sarà presente per girare le riprese.

Ginosa

Ginosa – Ph. ermess (iStock)

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Ginosa si trasforma nel set di “The last planet”, il nuovo...