Un giorno a Porto San Paolo e all’isola di Tavolara, in Sardegna

In vacanza a Porto San Paolo e dintorni, in Sardegna, a due passi dall’area marina protetta dell’isola di Tavolara.

Per molti pensare all’estate tipica italiana significa richiamare alla memoria immagini del mare e delle spiagge sabbiose da esso bagnate. Se propendete per un’estate di questo tipo, è immediato pensare a una delle isole più famose del Mediterraneo: la Sardegna. In questo splendido miracolo di terra e di mare vi è il caratteristico comune di Loiri Porto San Paolo, che vi proponiamo quale destinazione per una giornata di svago durante la vostra vacanza in Sardegna.

La cittadina di Porto San Paolo si trova nella zone est della Sardegna, a circa 15 chilometri da Olbia. La prima parte della giornata potrete dedicarla alla spiaggia: il comune offre una discreta scelta di lidi. Procedendo da nord a sud, trovate per prima la spiaggia di Cala Finanza, situata nel golfo che si crea tra punta San Diego e Porto San Paolo. Troverete poche spiagge sabbiose in questo tratto della costa della Sardegna; ci sono molti scogli su cui sostare e da cui partire per lunghi bagni e immersioni. In ogni caso, con un po’ di duttilità vi adatterete a questo bel posto.

Oppure, attraversate la strada che vi porta dalla parte opposta della Punta per prendere il sole presso la spiaggia di Punta San Diego. Si trova nell’omonima località di Porto San Paolo e le acque che bagnano questa lingua di terra danno ospitalità a numerose varietà di pesci. Ricordate fin da subito che durante una vacanza in Sardegna i divers hanno l’occasione di effettuare fantastiche escursioni subacquee. In questa zona, leggermente più a nord, è bellissima anche Punta La Greca, per la sua ottima vista sul promontorio sull’isola di Tavolara. Un’altra bella località balneare è quella della spiaggia di Porto Taverna. In questa striscia di terra sul mare si è formata una bella spiaggia sabbiosa.

Per rendere speciale il vostro soggiorno, nel pomeriggio potreste salpare sul traghetto in partenza da Porto San Paolo per approdare sull’estesa isola di Tavolara, riconoscibile per l’alto massiccio granitico chiamato Punta Cannone. Tavolara appartiene all’area marina protetta Tavolara-Punta Coda Cavallo e vi farà proseguire nel modo migliore la vostra vacanza estiva in Sardegna.

In questa lunga isola (si estende per 4 chilometri) troverete numerose occasioni per divertirvi, prendendo il sole e scoprendo la vita sottomarina. Appena approdati potreste ad esempio andare a Punta Spalmatore e sostare presso la spiaggia Istmo del Passetto;ma è molto bella anche la spiaggia Spalmatore di Terra. Sono entrambe due zone turistiche quindi troverete sempre molta gente, almeno in piena stagione estiva. In ogni caso, queste acque vi doneranno sempre un buon motivo per rilassarvi e godervi il panorama mozzafiato. Passeggiate nelle acque che per molti metri rimangono basse; godetevi la vista di Porto San Paolo e della costa della Sardegna in lontananza e l’alto massiccio dell’isola.

All’estremità opposta dell’isola di Tavolara potete bagnarvi nelle acque di Punta Timone e Punta Papa. Da questa parte, ad est, verso il mare aperto, all’opposto dei lidi di Porto San Paolo, gli esperti di immersioni troveranno delle ghiotte occasioni per esplorare i fondali al largo della Sardegna. Due secche famose sono quelle dette secche del Papa, lungo le quali si può scendere fino a 45 metri di profondità.

Altre due escursioni più semplici (anche se sono comunque previsti dei brevetti di base) sono quella presso il cosiddetto “occhio di Dio” e quella nella grotta della ghigliottina. Sono situate entrambe sul versante est dell’isola, nell’area marina protetta, dove la catena montuosa che la attraversa cade a strapiombo sul mare. La prima è chiamata così perché, dopo un breve tratto di immersione dove sono visibili persino piccole aragoste, si raggiunge la superficie trovando una cava triangolare con un masso nel suo centro, quasi come se fosse un occhio con al centro la pupilla. La grotta invece è chiamata della ghigliottina per la presenza di un masso pendente di forma rettangolare che ha le sembianze della lama del famigerato patibolo.

Se non vi andasse di prendere il traghetto verso l’isola di Tavolara, potreste sempre optare per un pomeriggio di immersioni non lontano dal centro di Porto San Paolo. Un must per gli appassionati di questo sport è infatti il relitto di Klearchos, vicino a Cala Finanza, che si incontra andando verso Olbia. Si tratta di una nave che trasportava in Sardegna un carico di sostanze tossiche e che a causa di un incendio affondò nel 1979. Fortunatamente il carico venne recuperato prima che causasse gravi danni alle acque circostanti e al giorno d’oggi non si registrano degenerazioni della qualità del mare.

Al termine della giornata, dopo aver raggiunto i posti più caratteristici di Porto San Paolo e dei suoi dintorni, è tempo di rilassarsi e rifocillarsi con qualche piatto della cucina tipica della Sardegna. Potrete scegliere tra alcuni ristoranti della zona, primo fra tutti Il Portolano. La vista è meravigliosa e di sera il suo valore accresce a dismisura: tavoli eleganti vista mare, con un primo piano su Punta Cannone. In questo ristorante potrete gustare dell’ottimo pesce a prezzi che rispecchiano l’elevata qualità del cibo.

Se vi trovate nei pressi di Porto San Paolo durante la bella stagione, non perdete il festival Una notte in Italia. Un mese durante il quale l’isola di Tavolara si illumina a festa e diventa un cinema all’aperto; vengono proiettati film e di discutono tematiche riguardanti il mondo del cinema e dei media in generale. Oltre alle serate sull’isola, alcuni momenti del festival hanno luogo nelle piazze di Porto San Paolo, come piazza Gramsci o piazza Lungomare.

Un giorno a Porto San Paolo e all’isola di Tavolara, in Sar...